DOW REPORT: ANALISI TITOLI SETTIMANALE 270504

27 Maggio 2004, di Redazione Wall Street Italia

SOTTO LA LENTE

UNITED TECHNOLOGIES: nuovo rimbalzo in corso

Dopo aver raggiunto nuovi massimi in prossimità di quota 98.00 nei primi mesi del 2004, United Technologies (PR 82.83 USD), ha avviato una robusta correzione, arrivando a marzo sulla mm a 200 gg, in transito all’epoca a 83.00/84.00, dove si è verificato un rimbalzo verso l’area di resistenza a 90.00/92.00. Nuove ondate di vendite hanno quindi avviato una nuova discesa verso il supporto a quota 80.00, dove sono tornati gli acquisti, che hanno determinato un nuovo rimbalzo tecnico.

Previsione: per le prossime sedute appare probabile una prosecuzione del rimbalzo tecnico verso 87.00. Occorrerà però il superamento della resistenza a 92.00, poco probabile nell’immediato, per avviare nuovi spunti al rialzo con primo obiettivo 97.00/98.00.
Il quadro tecnico subirebbe invece un nuovo peggioramento in caso di violazione del supporto a quota 80.00, che avvierebbe una discesa verso l’area di supporto a 70.00/73.00.

********************

Alcoa (PC 31.00 USD)
Negli ultimi mesi si è formato un doppio massimo con soglia critica a 32.50, violata a metà aprile.
La discesa che ne è seguita ha condotto le quotazioni verso il supporto indicato a quota 28.50, dove sono tornati gli acquisti e si è avviato l’atteso rimbalzo.
Per le prossime sedute è probabile un movimento di consolidamento fra 28.50 e 33.00, necessario per consentire una risalita a testare 37.00 e 39.00/40.00.
Un’eventuale violazione di 28.50 avvierebbe una nuova discesa a testare quota 26.00/50, dove dovrebbero comunque tornare gli acquisti.

General Electric (PC 31.29 USD)
Il titolo ha subito una pesantissima discesa da fine 2000 a inizio 2003 (si era formato un Testa & Spalle ribassista fra 42 e 60) che ha condotto le quotazioni a toccare un minimo relativo a 21.30 a febbraio ’04.
Da allora si è avviato un movimento a rialzo all’interno di un canale di ampiezza pari a circa il 20%.
Nelle ultime sedute il titolo si è riportato sulla trendline rialzista in prossimità 29.00/30.00, dove sono tornati gli acquisti.
Per le prossime settimane rimane probabile un prolungato movimento laterale compreso fra 28.00 e 34.00/35.00.

McDonald’s (PC 25.75 USD)
Dopo essersi portato a testare la forte resistenza statica a 30.00/31.00, il titolo ha avviato una correzione che appare ancora in corso.
La tenuta del supporto a quota 25.50/26.00 rimane essenziale per evitare una discesa più marcata che potrebbe estendersi a testare 23.00/50.
Un segnale positivo si avrebbe solo al di sopra di 29.00, ma solo con il superamento di 31.00 si avrebbe un effettivo ritorno delle pressioni rialziste.

Walt Disney (PC 23.66 USD)
Da metà 2002 ai primi mesi del 2003 il titolo ha effettuato un movimento di consolidamento al di sopra di 14.00/15.00 per poi effettuare una spettacolare salita fino a toccare un massimo a 28.41 a febbraio scorso.
La recente pesante correzione ha portato le quotazioni a testare e quindi a violare la media mobile a 200 giorni, determinando il test del supporto statico a verso 21.00/50, dove si è finalmente avviato un robusto rimbalzo.
Per le prossime settimane, finché le quotazioni si mantengono al di sopra di 22.50, appare probabile una prosecuzione del rimbalzo, con obiettivo 24.50/25.00, dove sono attese prese di beneficio.
Sarà il superamento di tale resistenza a consentire una ripresa delle pressioni rialziste sul titolo, con obiettivi 27.00 e 28.50/29.00.
Un eventuale ritorno sotto 21.00/50 fornirebbe invece un segnale di inversione ribassista con discesa verso il supporto statico a 19.00.

Hewlett-Packard (PC 21.25 USD)
Le vendite che hanno caratterizzato la prima parte di quest’anno hanno portato le quotazioni in prossimità del supporto a quota 19.00, si è avviato un tentativo di consolidamento.
Per le prossime settimane appare probabile un movimento laterale fra 19.00 e 22.00, che dovrebbe preludere a una salita verso 23.50
L’eventuale violazione del supporto a 19.00 fornirebbe un segnale molto negativo, cui potrebbe far seguito una discesa con primo obiettivo 17.00.

NB:
Il presente report dev’essere inteso come fonte di informazione e non può, in nessun caso, essere considerato un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo studio sono frutto di notizie e opinioni che possono essere modificate in qualsiasi momento senza preavviso.

Ai sensi dell’art. 69, comma 1, punto c, del Regolamento Emittenti della Consob, Banca Sella segnala che potrebbe avere un proprio specifico interesse riguardo agli emittenti, agli strumenti finanziari o alle operazioni oggetto di analisi.