DOW REPORT: ANALISI SETTIMANALE TITOLI 080704

8 Luglio 2004, di Redazione Wall Street Italia

SOTTO LA LENTE: JOHNSON & JOHNSON – sul supporto

Johnson & Johnson, (PC 54.43 USD), negli ultimi mesi del 2003 è riuscito a consolidare al di sopra del supporto a 48.00/49.00 per poi portarsi al di sopra della resistenza statica a quota 55.00 a inizio giugno scorso.
Nelle ultime settimane il titolo ha avviato una correzione che ha progressivamente ricondotto le quotazioni verso la resistenza precedentemente violata.

Previsioni: la tenuta dell’area di supporto a 54.00/55.00 è divenuta ora essenziale per evitare una correzione più profonda verso 52.50 e 51.00. Occorrerà un ritorno sopra 56.00 per avviare una nuova salita con obiettivi la vicina resistenza a 57.50/58.00 e quindi 61.00.

In termini di Relative Performance del titolo nei confronti dell’indice DJIA, è da notare che dopo il miglioramento di aprile-maggio, l’andamento è divenuto neutrale.

*****************

Questa settimana torniamo a vedere alcuni fra i titoli a maggior peso nell’indice DJIA (31% nel complesso).

Si ricorda che durante il periodo estivo, la periodicità del report sarà quindicinale.

A coloro che fossero interessati all’analisi di titoli del Nasdaq100, ricordiamo ancora il Nasdaq Report.

Buona lettura.

********************
Procter & Gamble (PC 54.53 USD – è stato effettuato uno split 2X1 il 21 giugno 2004)
A marzo 2003 il titolo ha ripreso con forza il movimento rialzista avviatosi ad aprile 2001. Il superamento della forte resistenza a quota 48.00, nell’ottobre del 2003, ha fornito nuovo carburante alla salita, consentendo alle quotazioni di superare anche il livello statico a 52.00.
Finché le quotazioni si mantengono al di sopra di 52.00, il quadro tecnico rimane positivo, con la possibilità di nuove salite verso 57.00 e quindi 60.00/61.00.
Un’attenuazione delle pressioni rialziste arriverebbe da un ritorno al di sotto di 52.00, ma un segnale di debolezza si avrebbe solo in caso di violazione del supporto dinamico a quota 49.00/50.00.

IBM (PC 85.75 USD)
Il titolo si è mosso in un canale rialzista di ampiezza pari a circa il 14% da marzo 2003 a metà aprile 2004.
A fine aprile le quotazioni hanno violato il supporto dinamico a quota 90.00, portandosi verso 83.00/85.00, dove si è avviato un primo rimbalzo tecnico che però non ha consentito il superamento della resistenza creatasi a 90.00/92.00.
Nelle ultime settimane il titolo si è portato nuovamente verso 83.00/85.00, mostrando nuova debolezza. Il quadro rimane quindi a rischio e sono possibili nuove estensioni della discesa verso il supporto chiave a quota 80.00, dove dovrebbero però tornare gli acquisti.
Un chiaro segnale positivo verrebbe da un ritorno al di sopra della resistenza a 92.00, ma solo con il superamento di 94.50 potremmo tornare a ipotizzare un movimento laterale fra 90.00 e 101.00/102.00.

United Tecnologies (PC 88.55 USD)
Dopo aver raggiunto nuovi massimi in prossimità di quota 98.00 nei primi mesi del 2004, il titolo ha avviato una robusta correzione, arrivando al supporto a quota 80.00, dove sono ritornati gli acquisti.
Per le prossime sedute il quadro tecnico appare laterale, fra il supporto a 84.00/85.00 e la resistenza a 92.00. Il quadro si deteriorerebbe in caso di violazione di 84.00, cui seguirebbe una discesa a testare il livello di supporto critico a 79.00/80.00.
Occorrerà il superamento della resistenza a 92.00, poco probabile nell’immediato, per avviare nuovi spunti al rialzo con primo obiettivo 97.00/98.00.

Caterpillar (PC 77.50 USD)
Il prolungato movimento rialzista avviatosi a ottobre 2002 ha consentito al titolo di superare a metà 2003 la resistenza chiave a 67.00.
Le successive salite hanno portato le quotazioni a testare più volte area 85.00/87.00 tra dicembre 2003 e lo scorso gennaio.
Per le prossime settimane rimane ancora probabile un movimento di consolidamento compreso fra 72.00 e 87.00, con livello spartiacque a 79.00.
Il quadro tecnico si deteriorerebbe chiaramente in caso di violazione dell’importante supporto a quota 72.00, che avvierebbe una discesa con primo obiettivo l’area di supporto statico a 65.00/67.00.

American International Group (PC 70.78 USD)

Il rally avviatosi a marzo 2003 ha riportato il titolo a testare l’area di resistenza a 75.00/78.00 a metà aprile scorso, dopodiché sono prevalse le vendite, evidenziando una progressiva perdita di spinta rialzista.
Per le prossime sedute rimane ancora probabile un movimento di consolidamento fra 69.00 e 77.00/78.00, con livello spartiacque a 73.00, che dovrebbe preludere a nuova salite con obiettivi 80.00 e 85.00/87.00.
La violazione di 69.00, segnalerebbe un chiaro indebolimento del quadro tecnico, proponendo il test dell’importante supporto dinamico a 65.00 e quindi del livello statico a 60.00/61.00.

Altria Group (PC 49.30 USD)
Dopo aver toccato un minimo relativo a 27.70 a fine marzo 2003, il titolo ha avviato un robusto rally che ha condotto le quotazioni a 58.96 a metà marzo scorso (in prossimità del massimo storico a 59.37 dell’aprile ’98), realizzando una performance del 113%.
A marzo 2004 si è poi avviato un pesante movimento correttivo che ha portato il titolo a toccare un minimo relativo a 44.75 nelle ultime settimane, dopodiché si è avviato un forte rimbalzo tecnico.
Per le prossime sedute rimane probabile un movimento di consolidamento fra 46.00 e 51.00/52.00, e solo un ritorno sopra quest’ultimo livello potrebbe determinare una prima ripresa delle pressioni al rialzo, con obiettivo 59.00/60.00.
L’eventuale violazione anche del supporto a 44.00 avvierebbe un’ulteriore discesa a testare il livello statico a 40.00, dove dovrebbero tornare gli acquisti.

**********************
NB:
Il presente report dev’essere inteso come fonte di informazione e non può, in nessun caso, essere considerato un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo studio sono frutto di notizie e opinioni che possono essere modificate in qualsiasi momento senza preavviso.

Ai sensi dell’art. 69, comma 1, punto c, del Regolamento Emittenti della Consob, Banca Sella segnala che potrebbe avere un proprio specifico interesse riguardo agli emittenti, agli strumenti finanziari o alle operazioni oggetto di analisi.