Dopo due anni anti corruzione è legge: fino a 8 anni per falso in bilancio

22 Maggio 2015, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Con l’approvazione a larga maggioranza del disegno di legge anti-corruzione chi commette il reato di falso in bilancio potrebbe passare fino a 8 anni in carcere. Ad aumentare sono anche le pene per i reati contro la Pubblica Amministrazione e di associazione mafiosa (articolo 416-bis del Codice penale), con i boss che rischiano di restare in cella per 26 anni.

Il testo è passato dopo una trafila eterna, lunga 797 giorni alla Camera. I voti favorevoli sono stati 280 (Pd, Ap, Pi, Alternativa libera, Sel), mentre gli unici no (53) sono venuti da Forza Italia e MoVimento 5 Stelle. La Lega Nord si è astenuta (11).

Sono trascorsi ben due anni e 51 giorni da quando il testo è stato presentato al Senato dall’allora non ancora eletto presidente Pietro Grasso del Partito Democratico.

Nonostante il documento sia quasi irriconoscibile rispetto all’originale è naturale che avere visto il traguardo riempia di felicità l’ex magistrato tra gli autori del ddl. Grasso dice così sul suo account Twitter: “È arrivato Godot. Sono felice che il Ddl #Anticorruzione ora sia Legge”.

Il premier Matteo Renzi saluta la riforma giuridica come una “svolta oggettiva”. “Avevamo promesso e abbiamo mantenuto. Ma in realtà è l’Italia che torna ad essere la patria della legalità”.

Lo ha detto da Riga, dove è in corso la due giorni dell’Eurogruppo, il meeting dei leader europei. Per l’ex sindaco di Firenze “tutti i cittadini, a prescindere da come votano, credo debbano essere orgogliosi di questo Parlamento”.

(DaC)