‘DISINFORMAZIONE’, BERLUSCA CONTRO NEW YORK TIMES

6 Dicembre 2003, di Redazione Wall Street Italia

“Sono stato frainteso”. Silvio Berlusconi fa marcia indietro, smentisce e puntualizza. In questo caso l’oggetto del dietrofront del premier è l’intervista al New York Times nella quale il presidente del Consiglio dice tra l’altro che bisogna “esportare la democrazia”, e che ciò “implica anche che possa rendersi necessaria una modifica al diritto internazionale sulla sovranità inviolabile degli Stati”.

Ebbene, da Tunisi dove si trova per il vertice 5+5 (e dove oggi pomeriggio renderà omaggio alla tomba di Bettino Craxi), il Cavaliere va all’attacco e parla di “interpretazioni maliziose”. Mai detto, insomma, che la democrazia vada esportata con la forza. Anzi, per il capo del governo questo è “il capovolgimento della realtà”.

“La libertà si deve esportare – puntualizza il premier – non attraverso delle guerre, ma attraverso l’informazione, la propaganda, la cultura, la collaborazione economica”. E ancora: “La guerra non dovrebbe considerarsi come uno strumento di esportazione della democrazia perché è il contrario della pace, che invece è il risultato che vogliamo”.

Il presidente del Consiglio prosegue poi a ruota libera, sostenendo che “oggi ci si domanda non solo da che parte stia uno Stato, ma che all’interno di questo Stato i cittadini godano di diritti civili, e se non si muovano delle politiche che possano costituire un pericolo per altri Stati”. Per ripetere poi che “l’esportazione della democrazia deve basarsi sull’informazione, sulla globalizzazione mediatica, sulle televisioni, sull’economia e magari sulle sanzioni economiche. Bisogna far sì che la causa prima del terrorismo e della povertà possa essere sostituita dalla libertà e da una forma di governo democratico in tutti i paesi che ancora non ce l’hanno”.
– Pubblicità –

Ma la sovranità degli Stati, che nella intervista al New York Times il Cavaliere definiva “non inviolabile”? A domanda precisa Berlusconi dice di “non aver detto questo”. Ma che – è questa la sua versione – “è certamente in corso un cambiamento del diritto internazionale che si adegua al nuovo ordine mondiale che una volta era basato sulla contrapposizione Urss-Occidente. Con l’Iraq si è verificato un episodio che ha fatto storia e che è intervenuto a modificare il concetto dell’inviolabilità della sovranità nazionale”.

Copyright © La Repubblica per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved

__________________________________________

Che tu sia d’accordo o no, ti preghiamo di farci conoscere la tua opinione. I commenti migliori, redatti in forma di articolo, saranno selezionati e pubblicati su Wall Street Italia. Per scriverci utilizza il link Scrivi a WSI

__________________________________________

Per continuare a dibattere in diretta online questo tema iscriviti al Forum di Wall Street Italia. Se non sei gia’ registrato, utilizza il link FORUM