Direttore e giornalista La Stampa rinviati a giudizio per articolo anti Scientology

25 Luglio 2012, di Redazione Wall Street Italia
Il contenuto di questo articolo – pubblicato da Quotidiano Piemontese – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Torino – Tra qualche mese in tribunale a Torino si svolgerà un inusuale confronto fra gli avvocati de La Stampa e della Chiesa di Scientology. Il direttore del quotidiano La Stampa Mario Calabresi e il giornalista Massimo Numa sono stati rinviati a giudizio per diffamazione aggravata nei confronti della Chiesa di Scientology.

La decisione, del GUP dott.ssa Chinaglia, fa seguito a un a un esposto presentato nel 2009 da Scientology che aveva chiesto all’autorità giudiziaria, agli organi di controllo dell’Ordine dell’Ordine dei Giornalisti e al Garante di competenza, di accertare la sussistenza di reati o di violazioni deontologiche a carico dei tre dipendenti del quotidiano a seguito di un articolo ritenuto altamente discriminatorio a danno della Chiesa di Scientology pubblicato il 4 novembre 2009 nella cronaca cittadina a firma dello stesso Massimo Numa.

Secondo Giuseppe Cicogna, portavoce della rappresentanza locale di Scientology: “In Italia le cause per diffamazione portano raramente ad esiti per chi viene danneggiato da propaganda denigratoria. Il risultato lo vediamo tutti i giorni nell’informazione urlata e scandalistica che cerca a tutti costi lo scoop nei confronti di chiunque esca dall’anonimato. Ma i Diritti Umani vengono costantemente calpestati da un certo modo di fare giornalismo e non si può continuare ad accettare questa situazione”.

“Articoli del genere non fanno altro che alimentare l’odio. Non pretediamo che si parli bene di noi o che si creda in ciò che affermiamo: chiediamo solo che vengano rispettati le leggi ed i Diritti Umani che tutelano i cittadini e le associazioni da tentativi di creare ulteriore odio”.

“Il rinvio a giudizio è un segnale molto importante in direzione della libertà religiosa e del rispetto dei diritti di tutte le minoranze.”

Copyright © Quotidiano Piemontese. All rights reserved