DIETROFRONT DELL’EURO. OCCHIO AI SUPPORTI

11 Maggio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(WSI) –Tassi di interesse: in area Euro la decisione del piano da 750 Mld€ ha portato una ventata di ottimismo sui mercati ieri. I listini azionari hanno registrato un forte recupero con l’indice Ibex che ha messo a segno un rialzo superiore al 14%.

Relativamente al mercato obbligazionario si è visto un restringimento degli spread sui titoli periferici, un irripidimento della pendenza di curva sul 2-10 anni tedesco con lo spread che ha superato i 235 pb registrando un nuovo massimo.

Torna invece in positivo il differenziale sul 2-10 anni greco, mentre sul monetario sono risultati in calo gli Ois a tre e sei mesi. Ieri Trichet ha confermato che l’inizio degli acquisti di titoli governativi dell’area Euro. Non è stato reso noto l’ammontare acquistato.

Trichet durante un’intervista a Bloomberg ha dichiarato che la decisione di acquistare bond governativi è stata presa a larga maggioranza. Allo stesso tempo il capo della Bce ha affermato che una delle modalità di sterilizzazione degli acquisti di bond, potrebbe consistere nell’utilizzo di depositi a termine.

Oggi in Olanda si terrà l’asta fino a 2,5Mld€ di titoli a 5 anni, mentre in Italia avremo l’asta Bot per 5,5 Mld€. Negli Usa tassi di mercato in rialzo sulla scia del forte rialzo dei listini azionari trascinati da tutti i settori, in modo particolare industriali, materie prime, finanziari e tecnologici. Gli operatori Usa hanno così accolto anche essi favorevolmente il piano europeo fino a 750Mld€. Sul fronte obbligazionario oggi è attesa l’emissione da 38Mld$ di titoli a tre anni. Sul fronte macro non sono attesi oggi dati di rilievo prima della pubblicazione delle vendite al dettaglio di aprile del prossimo venerdì.

Valute: euro in deprezzamento vs. dollaro dopo aver sfiorato ieri quota 1,31. Il primo supporto di breve si colloca in prossimità di 1,2650. Yen in apprezzamento vs euro e dollaro durante la notte sulla scia del ribasso dei listini azionari asiatici a causa dei dati in arrivo dalla Cina. Verso euro il cross è tornato rapidamente al di sotto di soglia 120. La volatilità sul cross è elevatissima e riflette quella dell’euro/dollaro. Per oggi la resistenza si colloca a 120, mentre i supporti a 116,40 e 115.

In Cina una serie di dati macro hanno confermato un surriscaldamento dell’economia. Ad aprile sono cresciuti oltre le attese i prezzi al consumo e quelli delle abitazioni. Forte aumento anche dei nuovi prestiti bancari.

Materie Prime: l’annuncio del piano “salva-euro” del week end ha dato luogo ad un recupero delle materie prime. All’interno dell’indice GSCI i migliori sono stati il gas naturale (+3,9%), l’alluminio (+3,6%) e lo zucchero (+3,1%). In controtendenza il grano che ha perso oltre il 3% su attesa di produzione maggiore delle attese negli Usa. In lieve calo anche l’oro (-0,8%).

Copyright © Servizio Market Strategy MPS Capital Services per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved

*Questo documento e’ stato preparato da MPS Capital Services ed e’ rivolto esclusivamente ad investitori istituzionali ovvero ad operatori qualificati, così come definiti nell’art. 31 del Regolamento Consob n° 11522 del 1° luglio 1998 e successive modifiche ed integrazioni. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.