DI PIETRO: BERLUSCONI FINIRA’ COME SADDAM

18 Settembre 2009, di Redazione Wall Street Italia

“Presto ci sarà l’implosione di Berlusconi, che cadrà con il dito alzato, facendo finta di niente fino all’ultimo minuto, esattamente come Saddam Hussein”. Antonio Di Pietro, nel suo discorso alla festa del partito oggi a Vasto, torna ad attaccare il premier, accusandolo di aver “ridotto il paese al lastrico, alla invivibilità e al discredito internazionale”.

Guarda al futuro, l’ex pm. Ad un dopo Berlusconi che pare vedere prossimo. “Siamo in un momento di transizione molto pericoloso perchè Berlusconi è al tramonto e sta tramontando come è accaduto a Nerone, Catilina, Hitler e Mussolini. Ma a farlo fuori ci sta pensando la sua stessa maggioranza che si spartisce le spoglie del despota che muore” continua Di Pietro.

Per tutti i dettagli sui titoli aggressivi in fase di continuazione del rialzo e difensivi in caso di volatilita’ e calo degli indici, accedi alla sezione INSIDER. Se non sei abbonato, fallo ora: costa meno di 1 euro al giorno, provalo.

E’ un fiume in piena, l’ex pm. Che ne ha per tutti. Per Bruno Vespa (” ha scambiato la Rai e Porta a Porta con il salotto di casa sua”) e per Umberto Bossi che “ha giurato fedeltà alla costituzione ed è uno spergiuro quando torna a parlare di secessione”. Poi ricorda le parole del presidente del consiglio e le ribalta: “Questo governo è il peggiore degli ultimi 150 anni e Berlusconi è stato il premier peggiore. Se ne vada per sempre prima della celebrazione dei 150 anni dell’unità d’Italia”.

Infine, intervistato da “A”, il leader dell’Idv azzarda un nuovo paragone a tutto danno del premier: “Gli italiani sono fortunati perchè Berlusconi non ha il fisico e la forza di Hitler. C’è un regime e ormai non lo dico solo io, come nell’autunno scorso in piazza Navona. Allora tutti mi davano del pazzo, anche dal Pd. Oggi sono tutti d’accordo con me”.

Alla festa nazionale dell’Idv a Vasto Di Pietro ha poi aggiunto: Umberto Bossi “è un ministro che ha giurato fedeltà alla costituzione”, ma è anche “uno spergiuro, quando torna a parlare di secessione”. “L’Italia è unita – ha aggiunto l’ex pm – e indivisibile”.

Immediata la risposta del ministro della Cultura. Sandro Bondi ha duramente criticato le espressioni usate da Antonio Di Pietro nei confronti del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi nell’intervento introduttivo della festa dell’Idv a Vasto. “Antonio Di Pietro si comporta come un bandito”, ha dichiarato in una nota il ministro per i Beni culturali e coordinatore nazionale del Pdl. “E la sinistra se non si dissocia apertamente dalle sue parole è complice di chi si atteggia a bandito”, ha aggiunto.