Di Pietro: accordo con i centristi per governo d’emergenza

31 Ottobre 2011, di Redazione Wall Street Italia

Roma – Garantire il risanamento senza “macelleria sociale”. E’ quello che Idv, Pd e Sel sarebbero in grado di garantire in una lettera all’Unione europea che è in corso di gestazione. Lo ha affermato Antonio Di Pietro, leader dell’Italia dei Valori, in una intervista alla Stampa.

“La settimana prossima – ha spiegato – ci incontreremo anche per buttare giù la nostra lettera all’Europa”. “Garantiremo all’Europa i saldi, ma il modo di trovare i soldi – ha annunciato il leader dell’Idv – sarà assolutamente differente. Nessuna macelleria sociale”.

In attesa di convincere l’Europa, l’opposizione si prepara ad affrontare l’ipotesi di una crisi: “Abbiamo dato la nostra disponibilità a farci carico di un governo d’emergenza. Io dico: noi del Patto di Vasto e oltre. Va coinvolto anche il Terzo Polo.

D’altra parte vedo che Casini è disponibile anche lui. Ma non è facile accorrere al capezzale di un morituro. E badate che se noi dell’ opposizione ragionassimo cinicamente, sarebbe meglio aspettare. Vinceremmo facilmente le elezioni per il plebiscito negativo che seppellirà questo governo”.

“Siamo pronti – ha concluso Di Pietro – a rispondere costruttivamente al monito delle istituzioni europee. Ma la pre-condizione è il cambio di governo”.