DEUTSCHE TELEKOM: PRESIDENTE SOTTO INCHIESTA

12 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

Il presidente di Deutsche Telekom, Ron Sommer, è sotto inchiesta per sospetta falsificazione in bilancio del portafoglio fondiario e immobiliare del gruppo.

La procura di Bonn ha avviato una pratica sull’operato di Sommer. Lo ha confermato un portavoce della procura nonostante Deutsche Telekom abbia definito “prive di fondamento” le indiscrezioni della stampa tedesca.

Secondo quanto riportato dai giornali in Germania la revisione al ribasso delle proprietà immobiliari ha decurtato l’utile 2000 del gruppo, causando uno scivolone del titolo in Borsa.

Alla base delle indiscrezioni ci sarebbe l’accusa secondo cui Sommer, che ha assunto la presidenza del gruppo nel 1995, sarebbe stato a conoscenza da anni dell’eccessiva valutazione attribuita in bilancio alle circa 12.000 proprieta’ immobiliari del gruppo, senza aver cercato di correggerla.

A Francoforte il titolo lascia il 3,61% a €25,93.