Deutsche Bank: utili a picco, parte la purga. Tagli al personale

26 Aprile 2018, di Mariangela Tessa

Il rilancio di Deutsche Bank passa attraverso un profondo piano di riassetto, che prevede, tra le diverse misure, anche tagli al personale. Tutto allo  scopo di contenere la base di costo sotto i 23 miliardi di euro nel 2018. Lo ha annunciato oggi il colosso bancario tedesco, in occasione della presentazione dei conti del primo trimestre, che hanno mostrato ricavi per 7 miliardi di euro, in calo del 5% rispetto allo stesso periodo del 2017, e un utile di 120 milioni di euro, a fronte dei 575 milioni dell’esercizio precedente (-79%).

“Dobbiamo agire in modo deciso e rivedere la nostra strategia. Non c’è tempo da perdere in quanto gli attuali ritorni per i nostri azionisti non sono accettabili”, ha commentato in una nota l’amministratore delegato, Christian Sewing, scelto per guidare la banca dopo un lungo braccio di ferro tra l’ex ad Cyran e gli azionisti.

Per Deutsche Bank si è trattato del terzo cambio al vertice in sei anni nella speranza di invertire il calo delle azioni e di rendere possibile un netto miglioramento della redditività.

Nell’era Sewing, il gruppo intende procedere con dei tagli profondi al corporate & investment bank per “focalizzare le sue attività e le sue risorse sui suoi clienti europei e multinazionali e sui prodotti che sono più importanti per loro”, si legge in una nota la banca.

In Usa 400 banchieri perdono il posto

Secondo quanto riferito dalle agenzie stampa Reuters, la purga è  già incominciata. Deutsche Bank ha licenziato mercoledì 300 banchieri che lavoravano in Usa con altri 100 che sono stati cacciati nelle successive 24 ore. In totale, sempre nell’ambito della prima fase di ristrutturazione, la principale banca della Germania ha intenzione di ridurre di più del 10% la forza lavoro nel paese, tagliando altri mille posti.

Stando ai calcoli di Bloomberg in Usa sono 10.300 i lavoratori di Deutsche Bank, circa un decimo del personale complessivo su scala mondiale della banca. Durante l’earning call, l’AD Sewing non ha precisato quante persone dei 97.103 dipendenti del gruppo perderanno il posto.

Più nel dettaglio, l’istituto intende tagliare le sue attività negli Usa e in Asia e riesaminare le attività sul mercato azionario (Global Equities) “con l’aspettativa di ridurre la sua piattaforma”. Tra le misure di contenimento dei costi è prevista “una significativa riduzione della forza lavoro nel 2018”.

Sul fronte delle attività internazionali, Deutsche Bank nella banca commerciale e private “vogliono focalizzarsi su mercati in crescita come l’Italia e la Spagna mentre nel wealth management la banca punterà a crescere in Germania e nei mercati internazionali”. “Intendiamo far crescere il business della banca commerciale e private e di DWS”, la società di asset management di Deutsche Bank, ha detto il ceo Christian Sewing.