DERIVATI: NUOVE REGOLE, NUOVI PROBLEMI

13 Giugno 2001, di Redazione Wall Street Italia

La nuova regolamentazione di compravendita dei derivati ha costretto molte compagnie a rivedere il loro sfruttamento di questi strumenti finanziari.

Lo afferma un sondaggio dell’Association for Financial Professional (associazione che raggruppa professionisti nel settore finanziario), condotto su 200 compagnie.

Secondo le risposte date dai due terzi delle societa’ interpellate, la nuova regolamentazione, conosciuta come Financial Accountng Standard 133, o FAS 133, ha imposto un peso eccessivo sui report delle compagnie stesse.

In base alle nuove regole, le compagnie devono riportare sui loro documenti di bilancio l’esatto valore di mercato dei loro derivati.

La neonata regolamentazione impone anche una documentazione che attesti la correlazione tra i derivati e il rischio annesso qualora li si voglia inquadrare nel rango degli “hedge funds”.

Entrata in vigore il 15 giugno dello scorso anno, alla nuova normativa si sono dovute adattare in primis le societa’ il cui anno fiscale scadeva il primo di luglio.

Dopodiche’ si sono adattate a ruota tutte la altre dal primo gennaio 2001.