DENARO SU PIAZZA AFFARI, TMT SUGLI SCUDI

28 Gennaio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari ha mantenuto le promesse dell’apertura di seduta e ha proseguito sulla strada dei rialzi di metà seduta. La strada dei rialzi è stata aperta con decisione dall’apertura positiva di Wall Street, il cui rialzo è stato agevolato anche a importanti dati macroeconomici come l’aumento nelle vendite delle nuove case negli USA. In Europa il rialzo è stato anche aiutato dalle confortanti indicazioni provenienti dall’IFO della Germania.

Il Mibtel ha chiuso a 23.023 punti (+1,02%), il Mib30 è salito a 32.399 punti (+1,06%), il Midex ha terminato la seduta in rialzo dell’1,25% a 26.351 punti e il Numtel ha guadagnato lo 0,85% a 2.375 punti.

Il comparto più richiesto è stato quello dei titoli bancari, sulla scia della fusione tra Banca di Roma (che ha chiuso in area €2,6) e Bipop Carire (in leggero ribasso a fine seduta), nel giorno in cui è stata ufficializzata l’integrazione tra Popolare di Verona e Popolare di Novara.

Ne hanno giovato anche Mediolanum, San Paolo IMI e Fideuram.

In gran spolvero i media, con Mediaset e HDP in rialzo. La società editoriale di Romiti è ancora al centro di voci e smentite: il mercato sta scommettendo sulla vendita delle attività nel settore moda e sull’ingresso di Colaninno nella società.

In rialzo anche Finmeccanica, cresciuta sulla spinta della controllata STMicroelectronics su cui analisti e banche d’affari hanno espresso una view ottimistica.

Bene anche Fiat, il cui rialzo è stato in linea con quello del settore automobilistico in Europa.

Buona giornata anche per i telefonici, con Pirelli, che ha toccato in giornata la soglia dei €2 per poi chiudere debole, e con TIM nuovamente vicina a quota €6. Sostanzialmente invariata Olivetti.

Leggermente positivi anche i titoli del settore energetico, come ENI e la sua controllata Saipem, che raggiunge quota €6. Debole invece Italgas.

Passo avanti anche per Enel, che ha incassato la possibilità di un rialzo del 4% delle bollette elettriche dopo l’ultima sentenza del Tar (Tribunale amministrativo regionale) della Lombardia. La società ha ricevuto l’ok dell’Antitrust all’acquisto di imprese per la produzione di energia elettrica

Tra le poche macchie rosse del Mib30 si è segnalata Bulgari, nel giorno dei dati di bilancio.

Sul Midex in evidenza Snai, grazie anche alle scommesse legate alla vittoria del cavallo Varenne.

Sul Nuovo Mercato Gandalf non è riuscita a fare prezzo nel giorno dell’aumento di capitale. In leggero rialzo e.Biscom, mentre Tiscali ha proseguito la propria rincorsa verso quota €10, grazie anche dell’upgrade di Credit Suisse First Boston sul colosso USA delle infrastrutture interenet Cisco System CSCO – Nasdaq).