Democrazia liquida: il leader del partito Pirata che fa tutto in rete

2 Marzo 2012, di Redazione Wall Street Italia

New York – Il partito che viene dal basso, balzato agli onori della cronaca per l’incredibile risultato ottenuto alle elezioni comunali di Berlino, sta riscrivendo le pagine di storia della politica.

Un professore di linguistica della cittadina di Bamberg, in Germania, e’ considerato il membro piu’ influente del partito dei Pirati. Si e’ conquistato lo status di leader grazie sopratutto a Internet. Fin qui nulla di veramente strano. Se non fosse per un solo dettaglio: Martin Haase non dispone di un ufficio e si occupa quasi esclusivamente di tutte le faccende “politiche” sulla rete.

Dai comizi alle decisioni diplomatiche piu’ importanti, tutto avviene su un software speciale messo a disposizione dalla sua giovane formazione politica: il Liquid Feedback. Un programma che consente di abbattere le gerarchie tradizionali, con l’aspirazione di rivoluzionare il modo di fare politica.

Come spiega il tedesco Spiegel in un articolo online se il 49enne professor Haase vuole dettare la linea di partito o indire un’assemblea, gli basta aprire il suo computer portatile e avviare il software online pensato per discutere e votare sulle proposte del partito.

Forte dell’8,9% dei consensi, il Piratenpartei ha ottenuto 15 seggi alle ultime elezioni per il rinnovo del Parlamento della citta’-Stato, capitale della nazione. Si tratta di una versione nordeuropea del Movimento Cinque stelle fondato dal comico Beppe Grillo, seppur con una predilezione per l’informatica e tutto quello che riguarda Internet.