DELTA DEL NIGER, GRAVE FUORIUSCITA DI GREGGIO

15 Maggio 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Roma, 15 mag – La comunità di Abalamabie, nello stato di Rivers, uno degli stati che compone la regione meridionale del Delta del Niger, ha lanciato un appello urgente all’azienda petrolifera Shell affinché invii rapidamente esperti e proprio personale per ripulire l’inquinamento causato da una fuoriuscita di greggio in uno degli impianti presenti nella zona di Bonny. Il presidente della commissione sviluppo locale, Jospeh Ibani Sodienye, ha scritto una lettera – ripresa oggi dall’agenzia missionaria Misna – nella quale si precisa che “depositi di greggio pesante si stanno diffondendo molto rapidamente nelle terre coltivabili e nei fiumi, distruggendo la vita economica della comunità”. “L’intero ambiente e i suoi dintorni – si legge ancora nella lettera – sono stati pesantemente inquinati dalle fuoriuscite di greggio e il livello di devastazione sta diventando intollerabile colpendo tutti i nostri mezzi di sussistenza: l’agricoltura, gli impianti per l’acqua potabile, le reti per la pesca, gli allevamenti ittici, le mangrovie rosse la foresta e la vita acquatica in generale”. Finora, spiega alla Misna il rappresentante della comunità di Abalamabie, la Shell non ha inviato alcun tipo di aiuto per migliorare la situazione della gente che vive soprattutto di pesca e agricoltura e che nelle ultime settimane “sta assistendo alla totale distruzione dei raccolti e dell’ambiente acquatico”.