Società

DB VEDE DOW JONES A 11500 A FINE 2002

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

Secondo Edward Yardeni, economista e capo analista presso la banca d’investimento Deutsche Bank Alex. Brown, il mercato azionario inizierà ad accelerare solo nella seconda metà dell’anno, quando cominceranno a delinearsi in modo più chiaro le stime sugli utili societari del 2003.

Yardeni è moderatamente ottimista riguardo al 2002, prevedendo che l’indice Dow Jones possa arrivare a 11.500 punti per la fine dell’anno, lo S&P 500 a 1.250, mentre il Nasdaq dovrebbe continuare a oscillare nell’area 1800-2000. Ma, aggiunge che non ci sarebbe da sorprendersi se a metà anno il Dow fosse ancora a quota 10.000, in quanto è da giugno in poi che gli indici metteranno a segno rialzi consistenti.

Secondo Yardeni gli attuali prezzi di mercato rappresentano un’opportunità di acquisto per gli investitori, ma solo in un’ottica di lungo periodo.

Per coloro che volessero cercare guadagni già nel breve termine, i settori più indicati sono quelli delle costruzioni, dei mutui, dei prodotti per la casa o elettronici.

Un altro comparto su cui puntare è quello della difesa, considerando che quest’anno ci sarà l’elezione del congresso e che ciò potrebbe favorire nuove commesse.

Yardeni, inoltre, si dice ottimista riguardo ai consumi, che secondo lui rimarranno forti. Infatti, se da un lato sono prevedibili altri tagli alla forza lavoro, dall’altro chi conserverà la propria occupazione trarrà beneficio dai vari incentivi, detrazioni fiscali e sconti.

Infine, l’economista di Deutsche Bank Alex. Brown sottolinea come le sue previsioni si basino su una crescita degli utili aziendali tra il 15-17% nel 2002, mentre storicamente nei periodi di ripresa, seguiti a una recessione, si sono registrati in media tassi tra il 20 e il 25%.