Datalogic approva il Piano Industriale

4 Ottobre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Il Cda di Datalogic ha approvato il Piano Industriale 2010-2012 del gruppo, che si basa sul rafforzamento competitivo nei mercati di riferimento –Automatic Data Capture (ADC) e Factory Automation (FA) –, lo sviluppo nei paesi emergenti ed un forte miglioramento della produttività industriale. Il target dei ricavi è stato fissato a 420-430 mln nel 2012, con un ebitda pari a 60-65 mln ed un ebitda margin tra il 14-15%. Il roe è visto al 18-20% mentre la posizione finanziaria netta dovrebbe migliorare a -25 o -35 milioni di euro. L’Amministratore Delegato della società di lettori di codici a barre, Mauro Sacchetto, ha così commentato: “I brillanti risultati ottenuti da Datalogic in un contesto di mercato complesso come quello dell’ultimo periodo, hanno confermato la validità delle misure attuate con tempestività a partire dalla primavera dello scorso anno e perseguite con determinazione nei trimestri successivi. Tali scelte hanno permesso di avere oggi un Gruppo solido ed efficiente, con una base di costi strutturalmente inferiore agli anni passati ed un elevato livello di produttività industriale; un Gruppo pronto ad affrontare le sfide del mercato e a riprendere una fase di crescita ed espansione futura, anche attraverso linee esterne. Gli obiettivi per gli anni 2010-2012 sono chiari e definiti. Il Gruppo Datalogic punterà a rafforzare il suo posizionamento competitivo nei mercati di riferimento e si focalizzerà sulla crescita in paesi fino ad oggi solo marginali. Questo sarà possibile grazie ai continui investimenti nelle tecnologie innovative, in particolare Imaging e Visione, che ci permetteranno di indirizzare i mercati a più alto valore.”