CURIOSA ISPEZIONE

8 Marzo 2007, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) –
In Borsa è stata sicuramente una storia di grande successo: quotata poco meno di due anni fa, è passata da 10 a 50 euro (prezzo attuale, rettificato) e non è nemmeno ai massimi assoluti. Non solo, Banca Italease è passata – borsisticamente parlando – indenne da un aumento di capitale ed ha superato abbastanza agevolmente le nuove disposizioni fiscali sul leasing (è attiva in particolare nel settore immobiliare).

Ma ora, quasi per una congiuntura astrale che evidentemente non è favorevole al mattone e a chi si occupa di immobili, l´istituto è oggetto di un´ispezione della Banca d´Italia. Che, da un mesetto a questa parte, per la precisione dal 29 gennaio, sta spulciando tra le carte e ragionevolmente si tratterrà fino a quando non verrà redatto il bilancio (il 16 marzo).

Ispezione di routine, viene definita dalla banca, anche perché gli ispettori di Via Nazionale non si vedevano dal lontano 2003 nell´istituto. Ma in una qualche misura curiosa, visto che la banca ha appena concluso un aumento di capitale e quindi dovrebbe essere già stata teoricamente passata al setaccio contabile.

Copyright © La Repubblica per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved