CSFB VEDE GRIGIO SUI TITOLI TLC

27 Settembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) – I titoli delle società telecom? E’ meglio disfarsene. Il suggerimento arriva dagli analisti di Credit Suisse First Boston che hanno abbassato ad underweight il rating sull’intero settore. Diverse le motivazioni che spingono gli esperti della banca d’affari a rivedere al ribasso il consiglio di acquisto sul comparto.

A partire dalla considerazione che, a questi livelli, i p/e dei maggiori gruppi del comparto hanno raggiunto livelli che non si vedevano dalla vigilia dello scoppio della bolla Internet del 2000. Anche sul fronte degli utili il futuro si preannuncia come pieno di ostacoli. E’ da tre mesi circa che le stime degli analisti continuano ad anticipare un’inversione di tendenza nel settore, con i profitti che dovrebbero tornare a scendere.

Ad alimentare questo clima di pessimismo contribuiscono poi anche le recenti revisioni al ribasso circa le spese nel settore della telefonia mobile. Per finire, una considerazione che si lega alla congiuntura. Storicamente, le telecom fanno peggio del mercato in una fase di rallentamento dell’economia. E, quindi, in una fase in cui i principali indicatori macro-economici indicano un rallentamento della ripresa rispetto ai primi mesi dell’anno, ecco un altro motivo per allentare la presa sulle azioni delle tlc.

Copyright © La Lettera Finanziaria per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved