Crollo Fonsai, ondata di vendite allo scoperto? E la Consob?

19 Luglio 2012, di Redazione Wall Street Italia
Il contenuto di questo articolo – pubblicato da La Stampa – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Il crollo delle titolo Fonsai di ieri del 43,9% a 2,74 euro potrebbe essere legato alla cessione di opzioni call sul 20% del capitale. Lo riporta stamane il quotidiano MF che parla di una consistente vendita di opzioni call con strike price a 2,5 euro e scadenza a settembre 2012. Chi ha venduto si è insomma impegnato a cedere a 2,5 euro entro settembre (o anche prima in caso di richiesta dell’acquirente delle opzioni) le azioni della compagnia assicurativa.

Entro lunedì 23 però il venditore dovrà a questo punto dimostrare di possedere davvero azioni di Fonsai pari al 20% del suo capitale per evitare la violazione delle disposizioni contro le vendite allo scoperto già richiamate dalla Consob proprio in occasione degli aumenti di capitale in corso su Unipol e Fonsai. Copyright © La Stampa. All rights reserved

Il Consiglio di Amministrazione di Premafin ha dato via libera all’ingresso di Unipol nel capitale. La firma sull’operazione sara’ messa per conto della holding dal direttore generale, Andrea Novarese. Lo si apprende al termine del Cda. Il consigliere Ernesto Vitiello, si apprende, e’ stato delegato in seconda battuta alla firma sull’esecuzione dell’aumento che sancira’ il passaggio di controllo dai Ligresti a Unipol. Il cda tornera’ a riunirsi a breve per definire la data dell’assemblea che dovra’ rieleggere il cda dimissionario di Premafin; l’assemblea sara’ contestuale a quella chiesta da Paolo Ligresti per la revoca dell’attuale cda. (