CRISI SUBPRIME: BUFFETT AL SALVATAGGIO

12 Febbraio 2008, di Redazione Wall Street Italia

Il ‘guru’ della finanza statunitense Warren Buffett si è offerto come garante per le obbligazioni emesse dalle amministrazioni locali statunitensi assicurate dai colossi MBIA, Ambac Financial e FGIC che attualmente sono alle prese con la grave crisi innescata dal tracollo del credito subprime. MBIA – secondo quanto riferisce Bloomberg – ha respinto l’ offerta di Buffett mentre gli altri due cosiddetti ‘bond insurer’, cioé società specializzate nell’ assicurazione delle emissioni obbligazionarie, non hanno ancora risposto. Bloomberg ha citato al riguardo quanto detto dallo stesso Buffett all’ emittente tv CNBC.

Buffett alla fine dello scorso anno aveva ottenuto la licenza per operare come assicuratore del settore delle emissioni obbligazionarie, attraverso la holding di riferimento del suo gruppo, cioé Berkshire Hathaway. Le società specializzate in questo ramo sono attualmente più che mai nel mirino, come conseguenza appunto della crisi innescata dal tracollo del credito immobiliare statunitense ad alto rischio.

Non e’ un mercato per vedove e orfani. E non e’ un mercato per news gratuite. Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

La prospettiva è infatti quella di un abbassamento del rating generalmente di tripla A di cui godono attualmente i ‘bond insurer’, uno scenario che potrebbe avere conseguenze letali per l’ intero comparto dei bond, considerata l’ enorme mole – circa 2,4 trilioni (il trilione equivale a mille miliardi) di dollari – di obbligazioni coperte da garanzie. Buffett ha quindi individuato proprio in questo settore estremamente a rischio una possibile fonte di profitti. Almeno per adesso Buffett si è in ogni caso offerto di assumere i rischi connessi ai bond emessi dalle amministrazioni municipali, quelli più sicuri considerata la tradizionale affidabilità di questa tipologia di emittenti, i quali ricorrono ai ‘bond insurer’ per collocare i titoli a costi particolarmente contenuti.