CRISI: SITUAZIONE EUROPEA IN DETERIORAMENTO

6 Ottobre 2008, di Redazione Wall Street Italia

*Questo documento e’ stato preparato da MPS Capital Services ed e’ rivolto esclusivamente ad investitori istituzionali ovvero ad operatori e clientela professionale ai sensi dell’allegato n.3 al
reg. n.16190 della Consob. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale
di WSI.

(WSI) – Tassi di interesse: in area Euro la sessione di venerdì si è conclusa con tassi pressoché stabili in attesa della riunione del G4 di sabato. Durante la riunione Italia, Francia, Germania e UK hanno di fatto rinunciato ad una soluzione comune alla crisi demandando ogni decisione a riguardo ai singoli governi. Questa notte poi i rappresentanti di Germania e Francia hanno smentito di essere pronti a sostenere un fondo comune per le banche europee. Intanto la Germania ha annunciato che garantirà tutti i depositi bancari ed allo stesso tempo ha dichiarato di aver concluso un accordo per salvare la società di credito immobiliare Hypo Re mettendogli a disposizioni altri 15 Mld€ di liquidità, visto che il precedente piano di salvataggio da 35 Mld€ era stato bocciato sabato. Il Belgio e il Lussemburgo hanno poi annunciato l’acquisto del gruppo finanziario Fortis da parte di BNP Paribas ed UniCredit, la seconda banca italiana per capitalizzazione, ha annunciato il piano per un nuovo aumento di capitale. Oggi l’attenzione continuerà a rimanere focalizzata sulle notizie che giungeranno dai mercati finanziari.

Negli Usa i tassi di mercato sono calati sulla scia del ribasso dei listini azionari. Lo spread 2-10 anni si è mantenuto costante poco al di sopra dei 200pb. I dati macro di venerdì hanno evidenziato il proseguimento del deterioramento del mercato del lavoro con il nono mese consecutivo di distruzione di posti di lavoro. Nel corso del fine settimana è stato approvato il piano da 700Mld$ da parte della camera e firmato dal presidente Bush. Per superare l’ostacolo della Camera, al piano sono stati aggiunti circa 150Mld$ di sgravi fiscali a varie categorie di aziende non finanziarie e persone private. E’ stato anche conferito il potere alla Sec di sospendere la regola del “market value” qualora lo ritenesse necessario ed aumentata la garanzia sui depositi fino a 250.000$. I mercati azionari non hanno festeggiato il piano, anzi hanno chiuso in calo sullo scetticismo che la manovra non sia sufficiente ad evitare la recessione. Oggi non sono attesi dati macro di rilievo. Sul decennale supporti a 3,50 e 3,46%.

Valute: prosegue l’apprezzamento del Dollaro vs Euro su inasprimento della crisi finanziaria in Europa ed attese di taglio dei tassi da parte della Bce. Gli speculatori continuano a rimanere ribassisti sul cross secondo gli ultimi dati del Cftc. Per oggi i supporti si collocano a 1,3550 e 1,35. La resistenza è piuttosto lontana a 1,3880. Forte apprezzamento dello Yen sulla scia delle aumentate tensioni nei mercati. Verso Euro è stato raggiunto il supporto 140. Si tratta di un livello che non veniva raggiunto da oltre 2 anni. Nei prossimi giorni è lecito attendersi che la valuta nipponica continuerà ad essere guidata dall’andamento delle tensioni sui mercati piuttosto che dai dati macro giapponesi. Apprezzamento anche verso Dollaro anche se di entità minore. Il supporto rilevante si colloca a 103,50. Successivo a 102,50.

Materie Prime: questa mattina partenza fortemente negativa per il greggio Wti sceso brevemente sotto i 90$/barile su attese di economia globale in forte rallentamento. Venerdì si era assistito ad un rialzo dei metalli industriali al Lme guidati dal rame (+3,3%) sulla scia del buon andamento dei listini azionari europei. E’ lecito attendersi una correzione questa mattina. In calo invece i metalli preziosi sulla scia dell’apprezzamento vigoroso del Dollaro. Andamento contrastato per gli agricoli. Forte calo dello zucchero (-3,6%).

scrivi la tua opinione “live” sul Forum di WSI