CRISI: SALTA UN FONDO DEL GRUPPO PUTNAM

18 Settembre 2008, di Redazione Wall Street Italia

A causa delle impressionanti richieste di riscatto, il consiglio di amministrazione di Putnam Investments, una delle maggiori societa’ Usa del settore con decine di fondi in gestione per un totale di $187 miliardi, di Boston, ha deciso di chiudere il fondo d’investimento “Putnam Prime Money Market Fund”, con asset per $12.3 miliardi, e di rimborsare tutti i soldi agli investitori. La societa’ ha spiegato che la decisione non e’ legata ad un deterioramento della qualita’ del credito.


Leggi anche:
FUGA DAI FONDI MONETARI, INVITI ALLA CALMA

In un comunicato si legge: “La stretta sulla liquidita’ hanno creato un rischio tale per cui, nel soddisfare le richieste di riscatto, il fondo avrebbe realizzato perdite dalla vendita dei titoli in portafoglio. La chiusura del fondo permettera’ un trattamento imparziale di tutti gli azionisti allo stesso modo”.

Il Fondo aveva un NAV (Net Asset Value) di $1 ieri, per cui il passaggio al di sotto del dollaro avrebbe comportato perdite per gli azionisti. Ma secondo Putnam ha fatto sapere che il fondo non aveva in portafoglio nessun titolo “tossico”, cioe’ emesso da quelle societa’ che stanno rovinando il mercato americano creando il panico tra gli investitori, le solite Lehman Brothers, Washington Mutual, American International Group.

Putnam Investments e’ stata fondata nel 1937 ed e’ una societa’ di global money management per investitori istituzionali e individuali.