Crisi debito, Cancellieri: rischio di una nuova epoca di violenze

23 Novembre 2012, di Redazione Wall Street Italia
Il contenuto di questo articolo, pubblicato da Il Giornale – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Roma – Contro le violenze di piazza. Dopo quanto accaduto in occasione nelle manifestazioni di mercoledì scorso in tutta Italia, il ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri pensa a nuove misure da mettere in campo.

E in un’informativa al Senato propone come strumento anche l’arresto differito, oltre alla Daspo utilizzata per le violenze negli stadi, il cui acronimo corrisponde al significato di “divieto di Accedere alle manifestazioni sportive”.

“È uno strumento molto efficace, negli stadi ha già dato risposte positive”, ha spiegato il ministro, sottolineando come sul Daspo siano in corso “delle valutazioni”, perché “ci sono degli aspetti costituzionali da chiarire”. La Cancellieri aggiunge poi quello che nei giorni scorsi aveva detto anche il capo della polizia, Antonio Manganelli: “Da mesi che ci stiamo preparando a momenti difficili, che speriamo di affrontare con la stessa serenità e serietà”. E attacca: “Non possiamo consentire alla piazza di fare scelte che deve fare la politica”.

Il ministro ha anche sottolineato la necessità di distinguere tra “gli studenti pacifici e altri meno, che avevano caschi e bastoni; distinguiamo le due componenti, si sono infiltrati i movimenti antagonisti che da sempre cercano di portare il paese in condizioni di instabilità”.

Le manifestazioni e i cortei autorizzati previsti per domani, sabato 24 novembre a Roma sono 4. Al mattino sfileranno i Cobas, comitati di base della scuola, che partiranno da piazza della Repubblica, raggiungeranno Piazza Santi Apostoli, attraverso via delle Terme di Diocleziano, via Giovanni Amendola, via Cavour, largo Corrado Ricci, via dei Fori Imperiali, piazza Venezia e via Cesare Battisti.

Copyright © Il Giornale. All rights reserved