CRISI: 200 ECONOMISTI USA BOCCIANO IL PIANO

26 Settembre 2008, di Redazione Wall Street Italia

Una petizione contro il piano salva-finanza: a firmarla sono 200 accademici economisti convinti che il progetto all’esame del Congresso è troppo vago con effetti di lungo termine poco chiari. Inoltre “creerebbe degli incentivi perversi”.

LEGGI LA PETIZIONE CON LA LISTA DI TUTTI I FIRMATARI

Organizzata da John Cochrane, professore dell’Università di Chicago, la petizione riflette soprattutto un malessere nei confronti dell’amministrazione Bush dovuto all’eccessiva pressione esercitata sul Congresso per un’approvazione rapida del piano. Al presidente americano e alla sua squadra, infatti, viene rimproverata la fretta e, di conseguenza, il fatto di non lasciare adeguato spazio e tempo a un dibattito costruttivo su un piano che già solleva perplessità.

I critici nei confronti del progetto Paulson si dividono principalmente in due aree: da una parte coloro che ritengono che i fondi pubblici andrebbero destinati a effettuare iniezioni di capitale direttamente nelle banche. Dall’altra parte figurano invece coloro che ritengono che i fondi dovrebbero essere utilizzati per acquistare i mutui individuali, aiutando così gli americani più direttamente.

Il piano Paulson – osservano alcuni economisti – si colloca quasi esattamente a metà strada, prevedendo l’acquisto dei debiti ‘tossici’ con possibili eventuali benefici sia per le banche sia per le famiglie. “Sono completamente in disaccordo sul fatto che il progetto debba essere approvato in settimana. La cosa importante è che dal Congresso esca un testo giusto”, osserva Alan S. Blinder, professore della Princeton University.

“Vorrei sapere come prevedono che sia l’evoluzione, quale sia la fine della partita. Ci sono ancora molte domande senza risposta”, spiega invece il premio Nobel Myron Scholes, sottolineando che il successo del piano è legato al tempo che il governo manterrà gli asset non liquidi e soprattutto a quanto li rivenderà. Secondo l’ex capo economista del Fondo Monetario Internazionale (Fmi), Simon Jonhson, 700 miliardi di dollari potrebbero non essere abbastanza per risolvere i problemi dei mercati finanziari. “Può non essere la decisione decisiva – spiega Jonhson – se non si risolveranno le cause” della crisi.

Nella lista dei firmatari della petizione anti-piano di salvataggio, numerosi accademici italiani: Alberto Bisin, Michele Boldrini, Enrico Moretti, Andrea Moro, Fabrizio Perri, Adriano Rampini, Paola Sapienza, Pietro Veronesi, Luigi Zingales.