Credito Artigiano, utile netto in calo nel primo semestre

25 Agosto 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Credito Artigiano archivia il primo semestre con un risultato netto della gestione operativa di 44 milioni di euro, in crescita del 4,9% rispetto all’analogo periodo dello scorso anno. L’utile netto di periodo è di 10 milioni di euro rispetto a 12,6 milioni del primo semestre 2009. I proventi operativi migliorano dell’1,2% a 121,6 milioni di euro. La raccolta globale è pari a 12.805 milioni di euro ed evidenzia una crescita dell’1,1% rispetto a 12.664 milioni di euro a fine dicembre e del 3,6% su base annua. Raccolta diretta sale dell’1,4%, quella indiretta del 7,9%. I crediti verso la clientela si attestano a 6.870 milioni di euro con un aumento del 2,8%. Il core capital ratio si attesta a 9,30% rispetto a 9,06% al 31.12.2009, mentre il total capital ratio è pari a 11,47%, in raffronto a 11,19% a fine dicembre 2009. Il margine di interesse si attesta a 75,7 milioni di euro rispetto a 81,5 milioni e registra una contrazione del 7,2% su base annua. Per quanto riguarda l’outlook, “ampi margini di incertezza permangono sulla ripresa dell’economia mondiale, che appare diseguale ed incerta nella sua tenuta – si legge in una nota della compagnia – Nella zona euro in particolare, la ripresa, trainata dalla crescita del commercio internazionale, rimane esposta a molteplici rischi primo fra tutti la perdurante debolezza della domanda interna, soprattutto una volta esaurite le misure di stimolo introdotte dai governi all’inizio della crisi. Corrispondenti incertezze circondano lo scenario evolutivo dell’economia italiana”.