Credit Suisse: considerare titoli ad alto rendimento da dividendi

19 Agosto 2011, di Redazione Wall Street Italia
Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

CREDIT SUISSE: EQUITY RESEARCH. ORIZZONTE DI INVESTIMENTO: 6–12+ MESI

Raccomandiamo titoli ad alto rendimento da dividendi con rating BUY

L’Investment Committee resta positivo sulle azioni sia a livello tattico (1–6 mesi) che strategico (6–12 mesi) sulla scia di una valutazione attraente e del
giudizio secondo cui una recessione globale è un evento scarsamente probabile.

Agli investitori sul lungo termine raccomandiamo di investire in titoli ad alto rendimento da dividendi poiché i tassi d’interesse sono ai minimi storici ed è
probabile che restino bassi nel breve termine. Questa strategia fornisce del potenziale sia in termini di reddito che di guadagni di capitale sul lungo
termine, nell’ottica eventualmente di ottenere ricavi più stabili. Inoltre, le società sono in buona salute, a fronte di bilanci societari solidi ed elevati livelli di liquidità. I dividendi costituiscono un modo per ridistribuire agli
investitori tale liquidità.

Prospettive di mercato

L’Investment Committee (IC) è ancora positivo sulle azioni in virtù della valutazione interessante e del giudizio secondo cui gli indici anticipatori segnalano una decelerazione economica, ma non una recessione globale.

Lo scenario di base prevede ancora un proseguimento dell’espansione economica globale, seppure a un ritmo piuttosto blando. Tuttavia i mercati potrebbero restare temporaneamente volatili per via delle incertezze sulle prospettive economiche e delle preoccupazioni sulla stabilità finanziaria. In questa situazione, sebbene l’IC si aspetti ancora un rimbalzo delle azioni, non raccomanda ancora agli investitori di esporsi aggressivamente ai mercati
azionari.

Per gli investitori orientati sul lungo termine raccomandiamo i titoli ad alto rendimento da dividendi per i seguenti motivi:

1.La politica monetaria accomodante e le prospettive economiche attuali sostengono un quadro caratterizzato da bassi tassi d’interesse sui mercati sviluppati. La Federal Reserve ha reso noto questa settimana che il tasso sui fed fund resterà basso almeno fino a metà 2013. In questa situazione, gli investimenti in titoli ad alto rendimento da dividendi appaiono interessanti per via dell’attuale quadro caratterizzato da interessi bassi. A sostegno di una strategia che favorisce l’alto rendimento da dividendi esiste anche il fatto che i rendimenti reali (rendimento nominale meno tasso d’inflazione) dei titoli di stato a 10 anni sono negativi per alcuni paesi come gli USA. Sebbene l’equiparazione tra azioni e titoli di stato sia lungi dall’essere perfetta, i bilanci societari appaiono più sicuri sotto molti punti di vista rispetto ad alcuni bilanci statali.

2. Il rendimento da dividendi azionario in rapporto al rendimento delle obbligazioni societarie sembra interessante per alcuni settori come le telecom o le utility europee. Lo spread tra rendimento da dividendi e quello delle obbligazioni societarie telecom europee si attesta attorno al 4%.Prendiamo l’esempio di Vodafone, il cui rendimento da dividendi è indicativamente del 6% rispetto a un rendimento delle obbligazioni societarie del 2,1% (per l’obbligazione in GBP al 4,625% con scadenza 9/2014, rendimento
dell’obbligazione alla scadenza). Tuttavia, vale la pena sottolineare che i profili rischio-rendimento per gli strumenti azionari e di debito sono differenti.

3. Le prospettive per i dividendi restano positive e i bilanci societari sembrano attraenti, le società fanno uno scarso ricorso all’indebitamento e la liquidità societaria si attesta a livelli elevati. Come sottolineato nei precedenti aggiornamenti, prevediamo che parte di questa liquidità sarà destinata ai dividendi. Inoltre, nel caso della Svizzera, a decorrere dal 2011
le società hanno la possibilità di distribuire delle riserve da rapporti di capitale tramite dei pagamenti di dividendi esenti da imposte. Ciò potrebbe potenzialmente accrescere il ricavo netto degli investimenti e, a nostro giudizio, fornisce un ulteriore argomento a favore degli investimenti in azioni ad alto rendimento da dividendi (v. investment idea sulla «Swiss
corporate tax law» pubblicata il 13 maggio 2011).

4. Raccomandiamo di investire in titoli ad alto rendimento da dividendi dal momento che essi forniscono un potenziale sia in termini di reddito che di guadagni di capitale sul lungo termine nell’ottica di ottenere dei modelli di ricavi più stabili. Di norma, a fornire elevati rendimenti da dividendi sono società di grandi dimensioni che – contrariamente ai titoli di crescita –
presentano dei cash-flow solidi e una forte propensione settoriale, oltre che una sovraesposizione nei settori difensivi, come avviene per le telecom e le utility. Le società difensive sono quelle le cui attività tendono a mostrare una bassa correlazione con le fluttuazioni economiche, pur non essendo completamente immuni dalla debolezza complessiva dei mercati.

Pertanto, nell’attuale quadro di mercato volatile consigliamo agli investitori sul lungo termine di focalizzarsi sui titoli ad alto rendimento da dividendi di società con cash-flow resistenti e bilanci solidi. Presentiamo una selezione dei titoli con rating BUY dell’universo coperto dal PB in virtù di una classificazione per rendimento da dividendi (2011E) relativamente a Svizzera,
Europa, USA e resto del mondo: le tabelle riportate qui di seguito forniscono un elenco riepilogativo dei 10 titoli con il rendimento da dividendi più elevato (sulla base dei rendimenti da dividendi attesi per l’esercizio finanziario 2011) aventi rating BUY.

TITOLI SVIZZERI con rating BUY classificati in base al rendimento da dividendi.

Zurich Financial Services, Swisscom, Swiss Re, Roche, Novartis, PSP Swiss Property, ABB, Georg Fischer, Kuehne + Nagel, Kaba.

TITOLI EUROPEI con rating BUY classificati per rendimento da dividendi

Telefonica Sa, Freenet, KPN NV, Telecom Italia, E.On, Veolia Environment, GDF Suez, Tele2 AB, Vodafone, Bouygues.

TITOLI USA con rating BUY classificati per rendimento da dividendi.

At&t, Philip Morris International, Pfizer, Abbott Laboratories, Nucor Corp, Intel .

TITOLI DEL MONDO con rating BUY classificati per rendimento da dividendi.
Tatts Group, Westpac, Stockland, National Australia Bank, M1 Limited, Mirvac, Anz Bank, Map Airport, Asian Property Development Public Company Limited, Onesteel.

Copyright © Credit Suisse. All rights reserved