Costola dei forconi occupa municipio in Sardegna: presidi e disagi

1 Febbraio 2012, di Redazione Wall Street Italia
Il contenuto di questo articolo, pubblicato da Contro la Crisi – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Cagliari – Non si placano le proteste nel Sulcis Iglesiente da parte di artigiani, commercianti, del popolo delle partite Iva e anti-Equitalia, dei pastori, e disoccupati.

Questa mattina i manifestanti hanno iniziato il presidio anche nella sala riunioni del centro direzionale del Comune di Iglesias: assemblea permanente con una cinquantina di manifestanti contro la crisi, le tasse e la manovra del Governo.

Fra le richieste che vengono avanzate dai rappresentanti della mobilitazione anche l’istituzione di una zona franca fiscale, una minore pressione delle tasse e interventi di sostegno alle imprese.

La protesta che viene portata avanti fa parte del calendario di iniziative promosse nel Sulcis Iglesiente che, ieri mattina, hanno visto 23 sindaci dei Comuni della zona consegnare le fasce tricolori al Prefetto di Cagliari.

Proseguono anche i presidi nei comuni di Gonnesa, dove ieri vi è stata anche l’occupazione simbolica del campanile, e negli altri centri, in Sardegna già una quarantina. Proprio a Gonnesa, questa sera, è prevista una fiaccolata con partenza dalla chiesa parrocchiale, mentre la grave crisi del Sulcis Iglesiente è all’ordine del giorno del Consiglio provinciale convocato oggi nella sala del Consiglio comunale di Iglesias.

Copyright © Contro la Crisi. All rights reserved