Controllo con il pensiero: dai videogame alla realta’ di tutti i giorni

30 Maggio 2012, di Redazione Wall Street Italia

New York – Immaginatevi la scena: prendete in mano gli auricolari e li indossate, fate un bel respiro e di li’ a poco siete in grado di controllare e manipolare un oggetto con i vostri pensieri. Parrebbe una scena uscita direttamente da un film sugli X-Men, i supereroi della Marvel, e invece e’ un piccolo trucco tecnologico, che presto diventera’ la normalita’ anche nella vita di tutti i giorni e non solo nell’industria dei videogiochi.

Sono sempre piu’ numerose le aziende che stanno studiando come portare in vita tale tecnologia avveniristica, con l’obiettivo di lanciare sul mercato cuffie a prezzi abbordabili, in grado di determinare lo stato d’animo di una persona.

Il funzionamento – si legge in un articolo del Wall Street Journal – e’ molto semplice: gadget del genere riescono a tradurre in informazione digitale le onde del pensiero, per poi inviare messaggi via wireless ai computer o ad altri dispositivi.

Finora, tuttavia, gli auricolari capaci di dotare l’uomo del talento di controllare gli oggetti con la sola forza del pensiero sono in commercio solo per l’utilizzo di videogiochi o film di cui si puo’ modificare la trama.

La tecnologia’ e’ solo agli inizi, ma ha il potenziale di cambiare le nostre vite e non solo di intrattenere i piu’ giovani davanti a una console. Secondo medici e scienziati potrebbe anche rafforzare la salute mentale e migliorare le tecniche di istruzione.

Con le cuffie di NeuroSky, ad esempio, saremo in grado di manipolare gli oggetti reali e digitali nel quotidiano.
[ARTICLEIMAGE]
Il gruppo con sede a San Jose, in California, e’ stato il primo a riscontrare un certo successo sul mercato: nel 2009 l’impresa di giocattoli Uncle Milton ha utilizzato le cuffie di sua produzione per il prodotto Star Wars Force Trainer, che consente di sospendere e muovere una palla dentro a un tubo con la sola forza del pensiero.

Da quel momento a oggi sono diventate 1.700 le societa’ che pagano NeuroSky per poter utilizzare la sua tecnologia innovativa.