Consumi: dove conviene fare la spesa per risparmiare fino al 50%

22 Settembre 2016, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Tra le spese che ogni giorno devono affrontare le famiglie vi è ovviamente quella alimentare. Pasta, pane, uova, latte, farina sono prodotti a cui non si può rinunciare e complice la crisi, la caccia alle offerte e promozioni è sempre aperta.

E se l’Istat sottolinea che i prezzi dei prodotti alimentari sono in calo, una mano a risparmiare la offre la consueta indagine sui prezzi dell’associazione Altroconsumo che promette di tagliare del 50% il carrello della spesa.

Come? Verificando quale sia il supermercato più conveniente e nel caso migliore si può arrivare a risparmiare anche 4mila euro all’anno per una famiglia a Venezia.

La 28esima edizione dell’inchiesta svela che fare la spesa in un certo modo e in uno specifico supermercato fa davvero la differenza.

Altroconsumo ha rivelato 1.002.269 prezzi in 922 punti vendita di 67 città italiane per tracciare la mappa del risparmio, stilando così diverse classifiche che riproducono diversi comportamenti di spesa degli italiani.

Dall’indagine emerge che Esselunga è la prima insegna di supermercati per i prodotti economici, ma ottiene risultati ottimi anche sui prodotti di marca.

Ipersimply è tra le prime insegne per i prodotti a marchio commerciale.

Distanziate di poco in classifica Ipercoop, Conad ipermercato e Bennet.

Spesso al supermercato compriamo prodotti marchiati con un logo legato a una catena. Un esempio? Un pacco di pasta con il marchio Coop. Si tratta dei cosiddetti prodotti a marchio commerciale, che coprono circa il 30% del mercato. Quali convengono di più? Dipende dall’insegna a cui appartengono: secondo l’inchiesta di Altroconsumo, andando da U2 e nell’ipermercato Conad il risparmio è garantito.

Se si aspira a riempire il carrello con i prodotti più economici i discount si confermano il posto giusto.

La spesa media di una famiglia italiana che frequenta questi supermercati costa poco più di 2.900 euro, cioè meno della metà della spesa misurata dall’Istat: un risparmio di oltre 3.000 euro all’anno.

Come l’anno scorso è Eurospin l’insegna migliore d’Italia per la spesa low cost: è questa la catena più conveniente tra i discount.

Fonte: Altroconsumo