CONSUMATORI, 5 RICHIESTE PER RAFFREDDARE I PREZZI

6 Settembre 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Roma, 6 set – Nove associazioni dei consumatori hanno chiesto al governo di aprire una tavolo per contrastare gli aumenti ingiustificati dei prezzi. Si chiedono alcuni interventi mirati che Adiconsum riassume così: “1) Sui libri di testo: ripristinando il tetto anche per le medie superiori, regolamentando la durata delle edizioni per favorire un riuso degli stessi libri. 2) Sui prezzi: concordando con la grande distribuzione organizzata un pacchetto di prodotti sensibili il cui prezzo resti congelato per alcuni mesi. 3) Sulle tariffe: evitando aumenti tariffari che possano produrre trascinamenti sul territorio, e comunque aumenti superiori all’inflazione prevista, come il raddoppio deciso dal Ministro Bianchi sul costo della revisione veicoli. 4) Sui carburanti: concordando una metodologia nuova con le compagnie petrolifere affinché le variazioni di prezzo alla pompa non siamo più giornaliere, bensì ogni due tre mesi, consentendo in tal modo di cogliere le differenze di prezzo e quindi incentivare una vera concorrenza. 5) Sull’abitazione: concordando una serie di provvedimenti, inclusa l’esigenza di un accordo con le banche per attenuare il peso delle nuove rate dei mutui variabili”.