Consob: problemi liquidità, l’Italia rischia il fallimento

30 Novembre 2011, di Redazione Wall Street Italia

Roma – “Sulle banche italiane c’è un problema che non può non preoccuparci tutti”. E l’allarme lanciato dal presidente della Consob Giuseppe Vegas che, in un’intervista alla Repubblica spiega: “il nostro sistema creditizio ha tra i usoi asset titoli di stato italiani per 160 miliardi e titoli di stato degli altri ‘Pigs’ per 3 miliardi. A fronte di questo – dice – le nostre banche hanno titoli ‘tossici’, essenzialmente mutui subprime, per una quota pari al 6,8% del patrimonio di vigilanza contro una media europea del 65,3%.

Ora – aggiunge – secondo le nuove norme di valutazione degli asset stabilite dall’Eba, siamo al paradosso: i titoli di stato in portafoglio vengono considerati ‘tossici’ per le banche italiane peggio di quanto non lo siano i ‘subprime’ per le banche straniere”. Per Vegas, “il pericolo è che vada definitivamente in tilt il circuito finanza economia reale. In base ai criteri Eba, le banche devono rafforzare il patrimonio e ricapitalizzare. Per farlo hanno due strade: o vanno sul mercato a cercare soldi o vendono asset. In entrambi i casi – sottolinea – il sentiero è strettissimo. Vendere asset vuol dire ridimensionare comunque l’operatività, ma trovare capitali, adesso, è ancora più difficile: vuol dire limitare il circolante, rinuciare alla leva, ridurre i prestiti e dunque strozzare il credito. E qui c’è il possibile corto circuito: che effetto ha tutto questo su un Paese che ha bisogno come il pane della crescita?”.

Infine, quanto alla crisi del debito a livello europeo, secondo Vegas “serve un approccio nuovo: la Fed e la Banca centrale inglese stampano moneta. La Bce non può farlo. Questa disparità va risolta. Allora o cambiamo il ruolo della Bce oppure dobbiamo accettare il rischio che l’euro salti e ogni Paese torni alla sua valuta”.