Confturismo, il turismo viaggia sempre più in rete

19 Febbraio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – “Lo studio di IULM identifica quelli delle Regioni come i portali italiani che mediamente presentano le migliori performance di attrattività -ha sostenuto da parte sua la Presidente di Federviaggio-Confturismo, Maria Concetta Patti- Il ruolo principale del portale Italia deve quindi essere quello di mettere a sistema – secondo schemi che siano logici per i potenziali turisti di tutto il mondo – le conoscenze che già si trovano nei portali territoriali senza duplicare i contenuti di questi ultimi. È necessario dunque che il web leghi in maniera sinergica l’attività istituzionale pubblica e di promozione del Paese con quella commerciale privata, poiché solo se l’azione di entrambe converge sinergicamente su un unico strumento avremo una promozione valida ed un effetto positivo tangibile sull’economia turistica. “L’Italia -ha proseguito Bocca- deve dunque lavorare ad un rapido ed urgente riassetto degli organismi preposti alla promozione e commercializzazione del nostro turismo ed in questa ottica una sinergia tra le sedi Enit all’estero e gli uffici dell’ICE sarebbe quanto mai auspicabile per ottimizzare un risultato dal duplice effetto: abbattere e razionalizzare da un lato i costi di gestione degli sportelli che nel mondo devono ‘vendere’ l’Italia turistica, accentrare dall’altro in sedi uniche competenze similari finora svolte da personale diverso ed alle volte con modalità contrastanti”. “Oggi l’industria deI settore -ha poi aggiunto Maria Concetta Patti- chiede un approfondimento ed un rilancio attraverso una politica congiunta ed uno degli elementi importanti in cui in questi ultimi 5 anni abbiamo creduto era la realizzazione del portale Italia, dico era perché ad oggi non abbiamo ancora una versione definitiva con i risultati auspicati”. “In definitiva -ha concluso Bocca- nell’immediato ci sembra indispensabile chiedere al Governo l’apertura di un tavolo dedicato alle questioni del turismo che vanno dalla promozione al fisco, passando attraverso la redistribuzione anche al turismo degli incentivi alle imprese e ad una politica di salvaguardia e miglioramento professionale continuo della forza lavoro del settore”.