CONFLITTO DI INTERESSI: TOCCA A SALOMON E MORGAN

30 Maggio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Il Procuratore generale di New York Eliot Spitzer non ha alcuna intenzione di fermarsi. Dopo aver messo alle strette la banca d’affari Merrill Lynch , accusata di conflitti di interesse tra il dipartimento di ricerca e di investment banking, Spitzer continuera’ la sua crociata.

Nel mirino, Citigroup e Morgan Stanley . Ma dove andra’ a sondare il terreno, il nuovo giustiziere di Wall Street, per raccogliere le prove necessarie alla possibile incriminazione delle due banche d’affari?

Citigroup e Morgan hanno infatti gia’ dichiarato di aver esaminato attentamente le e mail delle loro divisioni di ricerca. Risultato: le due big dovrebbero avere le mani pulite ed essere esenti dai problemi che hanno investito la loro rivale Merrill Lynch.

Il Wall Street Journal tuttavia mette in luce come il procuratore generale potra’ andare a esaminare i memo che vengono stilati dalle banche d’affari a fine anno e che racchiudono i bonus che gli analisti ricevono per le loro attivita’ di ricerca.

Bonus che potrebbero essere stati gonfiati per la capacita’ degli analisti di assicurare al dipartimento di investment banking nuove commissioni.