Confesercenti, cinque mosse per rilanciare l’Italia

6 Luglio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Cinque mosse per il rilancio dell’Italia. Tanti sono i punti emersi nella relazione di Marco Venturi, presidente di Confesercenti, oggi riunita nell’Assemblea annuale, per dare di nuovo slancio all’economia del Bel Paese. L’obiettivo è quello di superare una crisi che ancora oggi preoccupa gli italiani, visto che l’88% degli intervistati per la terza volta dall’Ispo per Confesercenti, dall’ottobre dell’anno scorso si sente pienamente coinvolto nella crisi (era l’87% nel primo sondaggio realizzato nel 2009, l’83% a febbraio 2010). Convinzione condivisa dall’89% di chi si riconosce nel centrosinistra ma anche dall’84% di chi si dichiara di centro-destra. Nel dettaglio, le cinque mosse prevedono: 1. Una coraggiosa riduzione della spesa pubblica, nostro vero tallone d’Achille, portando il debito pubblico sotto il 100% rispetto al Pil in 5 anni. 2. La riduzione della pressione fiscale dal 43,2% al 40% in tre anni, un punto all’anno. 3. Il rilancio delle infrastrutture strategiche con priorità per il completamento Autostrada del sole, variante di valico, infrastrutture urbane, manutenzione del territorio per prevenire calamità naturali. 4. Piani di investimenti per una maggiore autonomia energetica. 5. Di ridare forza all’impegno per lo sviluppo del Mezzogiorno, anche con l’utilizzo dei fondi europei, per creare zone di eccellenza su ricerca ed innovazione.