Confapi, al via network “anti-crisi” già 500 mila PMI coinvolte

25 Febbraio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – La Confapi lancia il network “anti-crisi” tra le associazioni di PMI a livello mondiale, allo scopo di facilitare lo scambio diretto tra le imprese italiane e quelle di altri paesi, attraverso la creazione di iniziative congiunte e l’organizzazione di incontri d’affari personalizzati. I primi sette paesi stranieri che hanno aderito all’iniziativa hanno avviato il confronto oggi presso la sede della Confapi; si tratta di Finlandia, USA, Svezia, Bulgaria, Macedonia, Brasile e Romania, per un totale di 500mila piccole e medie imprese per oltre 8 milioni di lavoratori. Ma sono già altrettante le associazioni estere che hanno espresso la volontà di partecipare (Russia, Algeria, Serbia, India, Croazia, Tunisia, Marocco). “Nella fase delicata che stiamo ancora attraversando l’individuazione di strumenti innovativi che migliorino la capacità delle imprese di accedere ai mercati internazionali diventa una questione prioritaria per le associazioni chiamate a promuovere e tutelare gli interessi della piccola e media impresa – afferma Paolo Galassi, Presidente di Confapi, in apertura dei lavori – Questa logica ha ispirato l’istituzione di un network internazionale, aperto alle aree più strategiche nello sviluppo dell’economia mondiale, con l’obiettivo di valorizzare le potenzialità e le peculiarità delle PMI, mettendole al centro dei nuovi interventi di sviluppo e di rilancio economico”. “Le associazioni infatti sono un punto di riferimento per le imprese e hanno una conoscenza approfondita delle loro caratteristiche: questo le rende quindi il soggetto più appropriato sia ad interpretarne le problematiche e le capacità, che ad individuare soluzioni e sviluppare attività per sostenerle, prosegue Galassi, il partenariato tra le associazioni di impresa rappresenta dunque una best practice nell’ambito di strategie di promozione all’internazionalizzazione, poiché crea un meccanismo di cooperazione automatico che, alleggerito da procedure burocratiche e dalla frammentazione degli interlocutori, potrà dare risposte immediate alle imprese e realizzare attività efficaci in tempi ragionevoli”. Nel corso dell’incontro odierno sono stati firmati un Accordo Quadro tra tutte le associazioni e dei Memorandum di Intesa bilaterali tra Confapi e ogni singola omologa straniera.