Compravendite case in Italia: i numeri non convincono del tutto

24 Novembre 2011, di Redazione Wall Street Italia

Roma – Boom di vendite al Sud. Secondo l’Agenzia del Territorio in Italia nel terzo trimestre 2011 sono state comprate e vendute complessivamente 288.299 unita’ immobiliari rispetto alle 283.625 del terzo trimestre 2010 che ha rappresentato il trimestre peggiore dal 2004.

I tecnici dell’Agenzia del Territorio quindi, esprimono ”cautela e perplessita”’ rispetto alla performance che risulta positiva per tutti i settori: residenziale (+1,4%), terziario (+2%), commerciale (+11,8%), produttivo (+32,8%), pertinenze (+0,9%) e ‘altro’ +0,9%.

Sorprendono in particolare le compravendite attorno ai comparti produttivo e commerciale, con aumenti a due cifre ma a questo proposito l’Agenzia del Territorio fa notare che le compravendite sono poche rispetto ad altri comparti e di conseguenza piccole variazioni in termini assoluti possono risultare molto accentuate a livello generale.

Un risultato positivo mostra anche il tasso tendenziale delle compravendite al Sud del settore residenziale (+4,6%), che e’ il piu’ elevato. Minori recuperi nel mercato del Centro e del Nord sche registrano tassi appena superiori allo zero, rispettivamente +0,5% e +0,2%.

L’incremento registrato a livello generale riguarda, seppure con intensita’ diverse, sia i capoluoghi che mostrano un lieve rialzo dello 0,2%, sia i comuni minori che guadagnano circa il 2% del mercato. I comuni minori non mostravano dal quarto trimestre 2007 andamenti migliori di quelli dei capoluoghi.