COMMERZBANK DA PAURA, TITOLI TOSSICI PER $68 MLD

27 Marzo 2009, di Redazione Wall Street Italia

Commerzbank, la seconda banca tedesca, annuncia un rosso da 6,6 miliardi nel 2008, inclusa l’acquisizione di Dresdner Bank e fa sapere che per il 2009 è in cerca di 20 miliardi di euro di finanziamenti sul mercato dei capitali.

L’istituto ha comunicato anche che le attività tossiche in suo possesso ammontano a 68 miliardi di dollari. In particolare Dresdner, acquistata da Allianz per 4,7 miliardi di euro poco prima del collasso di Lehman Brothers, possiede titoli tossici per 39,9 miliardi di dollari e la stessa Commerzbank, alla fine del 2008, ne detiene per 15,5 miliardi di dollari. «Riteniamo – spiega Commerzbank – che una diminuzione del rischio si avrà entro il 2011».

A febbraio Commerzbank aveva annunciato perdite per 3 miliardi di euro nel 2008, ma i dati non tenevano conto dei risultati di Dresdner, la banca acquistata da Allianz per 4,7 miliardi di euro. «La priorità del 2009 – spiega l’istituto – sarà l’integrazione di Dresdner Bank». A Francoforte il titolo di Commerzbank è balzato (+11% al giro di boa di metà seduta) poiché il presidente della banca, Martin Blessing aveva già preannunciato una perdita quest’anno e pronosticato un ritorno all’utile nel 2010. I manager dell’istituto quest’anno hanno già annunciato un taglio del 65% dei loro stipendi e il governo tedesco ha già parzialmente nazionalizzato la banca, incamerando una quota del 25%.

Copyright © Il Sole 24 Ore. All rights reserved