Come in “1984”: Twitter monitorerà utenti fuori dalla sua piattaforma

20 Novembre 2017, di Alessandra Caparello

NEW YORK (WSI) – Una vera e propria rivoluzione quella che attuerà Twitter che, in pieno stile orwellliano distopico, ha annunciato l’intenzione di voler monitorare il comportamento dell’utente sia quando è on che quando è off della piattaforma e sospenderà l’account di un utente se risulta affiliato con organizzazioni violente. Il social network fondato da Jack Dorsey darà tempo agli utenti fino al 18 dicembre 2017 prima di applicare la novità.

L’attesa di un mese è dovuta alle normative dell’Unione Europea che impongono alle aziende di informare gli utenti di un nuovo cambiamento di policy 30 giorni prima dell’ entrata in vigore. La scadenza del 18 dicembre riguarda anche l’utilizzo di “immagini o simboli odiose” in foto o intestazioni di profili. Twitter monitorerà anche la presenza di discorsi di odio nei nomi utente.

“Abbiamo aggiornato le nostre regole su abusi e comportamenti odiosi, violenze e danni fisici. Queste modifiche saranno applicate a partire dal 18 dicembre. Leggi il nostro regolamento aggiornato qui: https://twitter.com/rules. Crediamo che tutti dovrebbero avere il potere di creare e condividere idee e informazioni istantaneamente, senza barriere. Al fine di proteggere l’esperienza e la sicurezza delle persone che utilizzano Twitter”.

Questi cambiamenti arrivano in risposta a chi ha criticato Twitter di non fare molto per frenare abusi e molestie sul sito dopo più di un decennio di abusi liberi. Una settimana fa è emerso che alcuni leader neo-nazisti e suprematisti bianchi avevano ricevuto il bollino blu di verifica dei loro account, creato da Twitter per garantire l’autenticità dei contenuti messi in rete da leader politici, celebrities e giornalisti, distinguendoli dagli account parodia o fasulli.

Twitter ha iniziato così a rimuovere la spunta blu dei profili verificati dagli account di diversi esponenti dell’estrema destra e del suprematismo bianco negli Usa come Jason Kessler,i l suprematista bianco che, lo scorso agosto, aveva organizzato a Charlottesville la marcia “United the Right”. Ora con la nuova policy Twitter rende noto che perderanno la spunta blu coloro che promuoveranno violenza contro una persona o attaccheranno direttamente o minacceranno “altre persone in base a razza, etnia, origine nazionale, orientamento sessuale, sesso, identità sessuale, religione, età, disabilità o malattia”.

Tuttavia la decisione di Twitter di monitorare gli utenti fuori dal  sito ha suscitato preoccupazione dai sostenitori della libertà di parola come Andrew Torba, fondatore del social network Gab.

“E’ un precedente spaventoso. Regole come questa costringeranno solo i dissidenti e coloro che dicono la verità a tacere o rischiano di essere taciuti da Twitter”.