Cofide, nel 2009 cresce utile netto, non distribuirà dividendo

11 Marzo 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Il Consiglio di Amministrazione di Cofife-Compagnia Finanziaria De Benedetti SpA, riunitosi oggi a Milano sotto la presidenza di Francesco Guasti, ha approvato la proposta di bilancio civilistico e il bilancio consolidato del gruppo per l’esercizio 2009. Lo si legge in una nota. Nell’esercizio 2009 Cofide ha ottenuto un utile netto consolidato di 62,3 milioni di euro, in crescita del 19,3% rispetto al 2008 (52,2 milioni di euro). L’incremento del risultato è riconducibile soprattutto all’aumento del contributo della controllata CIR-Compagnie Industriali Riunite, passato da 46,3 milioni di euro nell’esercizio 2008 a 69,5 milioni di euro nel 2009. I ricavi consolidati di Cofide nel 2009 sono ammontati a 4.266,8 milioni di euro, rispetto a 4.727 milioni nel 2008 (-9,7%). Il margine operativo lordo (EBITDA) consolidato nel 2009 è stato pari a 288,6 milioni di euro, in calo rispetto a 454,8 milioni di euro nel 2008 (-36,5%). Il margine operativo (EBIT) consolidato è stato pari a 141,9 milioni di euro, in riduzione rispetto a 313,3 milioni di euro nel 2008. L’indebitamento finanziario netto consolidato del gruppo Cofide al 31 dicembre 2009 ammontava a 1.824,7 milioni di euro, rispetto a 1.753,1 milioni di euro al 30 settembre 2009 e a 1.732,5 milioni di euro al 31 dicembre 2008. Il Consiglio di Amministrazione, in considerazione della situazione di incertezza che ancora caratterizza l’economia e i mercati finanziari, proporrà all’Assemblea degli Azionisti di non distribuire dividendi per l’esercizio 2009 al fine di rafforzare ulteriormente la struttura patrimoniale della società e dotarla di maggiori risorse a sostegno dello sviluppo delle attività.