Clamorosa iniziativa congiunta delle ‘parti sociali’: all’unisono, chiedono una svolta anti-crisi

27 Luglio 2011, di Redazione Wall Street Italia

ROMA – L’allarme di tutto il mondo economico, imprenditoriale e sindacale arriva con una voce sola. Una nota congiunta di imprese, banche, cooperative, sindacati per sottolineare la “preoccupazione” per l’attacco ai mercati finanziari. E’ per un ultimo appello dopo mesi di pressing per chiedere al governo misure per la crescità: oggi è “necessario un patto per la crescita che coinvolga tutte le parti sociali; serve una grande assunzione di responsabilità da parte di tutti ed una discontinuità capace di realizzare un progetto di crescita del Paese in grado di assicurare la sostenibilità del debito e la creazione di nuova occupazione”. Tutte insieme, pesano le firme: da Confindustria ai sindacati con Cigl, Cisl, e Ugl (la Uil, che figurava tra le firme, poi in serata si dissocia).

Le Banche con l’Abi. Le coop dell’Alleanza cooperative italiane (Confcooperative, Lega Cooperative, Agci); Rete Imprese Italia (Confcommercio, Confartigianato, Cna, Casartigiani e Confesercenti) e la Confapi; gli agricoltori con Cia, Condiretti e Confagricoltura. Una alleanza forte, ampia. Iniziativa che nasce, a quanto si apprende, da un colloquio telefonico in mattinata tra il leader delle banche Giuseppe Mussari e la presidente degli industriali Emma Marcegaglia. Che poi nel primo pomeriggio ha chiamato i leader dei sindacati.

Nel giro di poche ore si è così coagulato il consenso delle sigle che avevano già aderito, dallo scorso novembre, al tavolo per definire proposte da presentare insieme al governo per sostenere la crescita. Hanno ricordato l’invito alla coesione sociale lanciato nei giorni scorsi dal Capo dello Stato Giorgio Napolitano, ed hanno invocato “lo spirito della concertazione del 1992”. La parola chiave dell’appello è “discontinuità”, non per chiedere una crisi di governo al buio, ma per chiedere ancora una volta al governo di non puntare solo sul rigore dei conti, comunque necessario, ma anche sulla leva economica, su misure per spingere una crescita troppo lenta. E di farlo con una visione più collegiale all’interno dell’esecutivo, con più spazio al lavoro dei ministri “economici” sul fronte dello sviluppo, accanto all’impegno sui conti pubblici del ministro dell’Economia.

“Guardiamo con preoccupazione al recente andamento dei mercati finanziari”, scrivono quindi le parti sociali: “Il mercato non sembra riconoscere la solidità dei fondamentali dell’Italia. Siamo consapevoli che la fase che stiamo attraversando dipende solo in parte dalle condizioni di fondo dell’economia italiana ed è connessa a un problema europeo di fragilità dei paesi periferici.

A ciò si aggiungono i problemi di bilancio degli Stati Uniti. Ma queste incertezze dei mercati si traducono per l’Italia nel deciso ampliamento degli spread sui titoli sovrani e nella penalizzazione dei valori di borsa. Ciò comporta un elevato onere di finanziamento del debito pubblico ed un aumento del costo del denaro per famiglie ed imprese”. E per evitare che la situazione “divenga insostenibile” per imprese e sindacati “occorre ricreare immediatamente nel nostro Paese condizioni per ripristinare la normalità sui mercati finanziari con un immediato recupero di credibilità nei confronti degli investitori”.

BERSANI, BENE PARTI SOCIALI, SERVE NOVITA’ – La richiesta di discontinuita’ avanzata dalle parti sociali per uscire dalla crisi e’ ”una novita’ importante”, con l’obiettivo di dare ”a questa fase di gestione dell’Italia un carattere di novita”’. Il segretario del Pd Pierluigi Bersani, a Parma per una iniziativa dedicata alle vicende cittadine, ha commentato cosi’ l’appello avanzato dalle parti sociali. ”Io da molto tempo – ha aggiunto – sto dicendo che non e’ solamente una questione della politica, anche le parti sociali devono pronunciarsi, perche’ adesso e in prospettiva la situazione e’ molto critica per il nostro Paese. Questa affermazione delle forze sociali mi sembrata una novita’ importante, sia per aver registrato i problemi che abbiamo, sia per la richiesta di discontinuita’ e quindi di dare a questa fase di gestione dell’Italia un carattere di novita’. E’ la risposta che possiamo dare a noi stessi e ai mercati e su questo stiamo lavorando”.

SACCONI, BERSANI STRUMENTALIZZA, NOI PRONTI A RIFORME – ”Il segretario del Pd, confermando la vecchia idea comunista sulla subalternita’ delle parti sociali ai disegni della politica, strumentalizza un comunicato che la Uil definisce ‘doroteo’ nel senso di ‘acqua fresca’, attribuendo ad esso addirittura la richiesta di un nuovo governo. Le parti sociali, più naturalmente, hanno chiesto crescita, invocando non conflittualita’ ma coesione politica e sociale”.

E’ quanto afferma in una nota il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi sottolineando che ”alla crescita devono contribuire tutti: istituzioni, banche, concessionari e licenziatari di pubblica utilita’, parti sociali, nel condividere il completamento delle riforme del lavoro che favoriscano nuove assunzioni. Il Governo – conclude – e’ pronto al confronto’. (di Paolo Rubino -ANSA)

********************

Un ”patto per la crescita” per recuperare credibilita’ ed evitare che ”la situazione italiana divenga insostenibile”.

E’ quanto chiedono organizzazioni imprenditoriali e sindacati. ”Guardiamo con preoccupazione al recente andamento dei mercati finanziari” scrivono ABI, Alleanza Cooperative Italiane (Confcooperative, Lega Cooperative, AGCI), CGIL, CIA, CISL, Coldiretti, Confagricoltura, Confapi, Confindustria, Reteimprese Italia (Confcommercio, Confartigianato, CNA, Casartigiani, Confesercenti) UGL, UIL.

”Il mercato – proseguono – non sembra riconoscere la solidita’ dei fondamentali dell’Italia. Siamo consapevoli che la fase che stiamo attraversando dipende solo in parte dalle condizioni di fondo dell’economia italiana ed e’ connessa a un problema europeo di fragilita’ dei paesi periferici. A cio’ si aggiungono i problemi di bilancio degli Stati Uniti. Ma queste incertezze dei mercati si traducono per l’Italia nel deciso ampliamento degli spread sui titoli sovrani e nella penalizzazione dei valori di borsa”. Secondo le organizzazioni questo ”comporta un elevato onere di finanziamento del debito pubblico ed un aumento del costo del denaro per famiglie ed imprese”.

”Per evitare che la situazione italiana divenga insostenibile – aggiungono – occorre ricreare immediatamente nel nostro Paese condizioni per ripristinare la normalita’ sui mercati finanziari con un immediato recupero di credibilita’ nei confronti degli investitori”. ”A tal fine – concludono – si rende necessario un Patto per la crescita che coinvolga tutte le parti sociali; serve una grande assunzione di responsabilita’ da parte di tutti ed una discontinuita’ capace di realizzare un progetto di crescita del Paese in grado di assicurare la sostenibilita’ del debito e la creazione di nuova occupazione”.