Cina, shopping scatenato: acquista aziende in giro per il mondo

7 Giugno 2012, di Redazione Wall Street Italia

Pechino – Sono sempre più le aziende cinesi che, forti dell’enorme crescita economica registrata dal paese in questi ultimi anni, vanno ora in giro per il mondo alla ricerca di interessanti opportunità d’acquisto e l’appropriamento di tecnologie, vantaggi competitivi, esperienza ed eccellenza. Questo lo shopping cinese del futuro.

Crescita economica dettata in passato dal forte afflusso nel paese di investimenti diretti esteri dai paesi industrializzati. Ora il trend si inverte e sono le cinesi ad investire in questi mercati. Solo in Europa nel 2011 la cifra è triplicata, a $10 miliardi. Entro il 2020 dovrebbe raggiungere i $250-$500 miliardi.

“In Europa si assiste all’inizio di un forte aumento degli investimenti diretti all’estero delle società cinesi nei paesi industrializzati”, si legge nello studio che verrà pubblicato in giornata da Rhodium Group in collaborazione con la banca di investimento cinese CICC.

In totale gli investimenti cinesi all’estero dovrebbero raggiungere $1-$2 trilioni tra il 2010 e il 2020, di cui appunto circa un quarto dovrebbe finire in Europa. Non si tratta di acquisti fatti a caso, ma ben mirati all’appropriamento di quel vantaggio competitivo che continua a favorire i grandi i colossi di altri paesi ex-Cina. Trattasi di fattori tecnologici e nel manifatturiero di qualità.

Aziende cinesi incoraggiate agli investimenti esteri direttamente da Pechino, per rendere il sistema produttivo interno sempre più competitivo e autosufficiente. Tra gli altri infatti, favoriti gli investimenti nell’acquisizione di materie prime.