Cina attenta, il real estate è un pilastro portante della tua economia

28 Aprile 2011, di Redazione Wall Street Italia

Pechino – I rialzi dei tassi di interesse per contrastare l’inflazione e per tentare di raffreddare la crescita dei prezzi nel settore immobiliare, rischiano di portare più mali che beni alla Cina. È l’avvertimento della Banca Mondiale. Se da una parte è necessario controllare la crescita dei prezzi, specialmente in questo periodo in cui sia le commodities industriali che quelle alimentari viaggiano verso continui rialzi, dall’altra bisogna fare attenzione agli effetti su uno dei settori più importanti per l’economia cinese: il real estate.

“Un eccessivo calo delle vendite nel mercato immobiliare, avrebbe delle conseguenze significative sia sull’economia sia sui bilanci delle banche. Se il settore dovesse perdere ritmo, anche i governi locali perderebbero un importante fonte di finanziamento e non potrebbero più permettersi di effettuare determinati investimenti”, avverte l’istituto di Washington.

Gran parte dei fondi dei governi locali, infatti, viene proprio dalla vendita di terreni. Uno shock nel mercato, porterebbe a minori risorse finanziarie e in turno a minori investimenti. Investimenti che tengono in vita tutta una serie di altri settori e che sono alla base dello sviluppo del dragone.

Il consiglio della Banca Mondiale è di intervenire seguendo ragionamenti basati su fondamenti economici, non attraverso imposizioni e ordinanze amministrative. Giusto la scorsa settimana, le autorità di Pechino hanno imposto alle banche di effettuare degli stress test, proprio per valutare i possibili impatti di uno shock del settore immobiliare.

Intanto, per il quinto giorno di fila, continua il calo dell’azionario. Crescono le aspettative di un ulteriore rialzo dei tassi di interesse già dalla prossima settimana, nel tentativo di contrastare ulteriormente la crescita dei prezzi. Credit Suisse, crede che la banca centrale cinese interverrà nei tassi già dal 2 maggio.

A risentirne maggiormente, in giornata, sono stati proprio i costruttori, visto che si attendono anche altre misure specifiche per fermare l’aumento dei prezzi delle proprietà.