CIECAMENTE OTTIMISTA SARA’ LEI, DISSE IL CINESE

25 Agosto 2009, di Redazione Wall Street Italia

(WSI) – Tassi di interesse: in area Euro i tassi di mercato sono scesi interessando soprattutto la parte a breve e medio termine, mentre sono rimasti pressoché stabili sul tratto decennale. Lo spread sul 2-10 anni è così salito a 197 pb da 193, mentre quello sul decennale Italia-Germania si è nuovamente portato a 80 pb. I listini azionari hanno chiuso un’altra seduta in positivo, grazie anche ai buoni dati sugli ordinativi industriali dell’intera area Euro.

Vuoi sapere cosa comprano e vendono gli Insider di Wall Street? Prova ad abbonarti a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul link INSIDER

A giugno gli ordinativi sono infatti risultati superiori alle attese, grazie al forte recupero della comparto dei beni capitali. In mattinata è stato pubblicato il dato finale del Pil del secondo trimestre tedesco che ha confermato il rialzo oltre le attese del preliminare. Dalle sottocomponenti si evidenzia come il rialzo è da imputare soprattutto al balzo degli investimenti capitali ed in costruzioni. Positivo anche il contributo delle esportazioni nette. Il dato confermerebbe come le misure di stimolo intraprese dal governo a sostegno dell’economia stiano iniziando ad avere effetto. Il Tesoro italiano annuncerà oggi l’ammontare dell’asta di venerdì sui titoli a medio-lungo termine.

Negli Usa tassi di mercato in calo sulla scia dell’andamento dei mercati azionari che hanno eroso i guadagni di inizio giornata in seguito principalmente al calo del comparto bancario, dopo le dichiarazioni dell’ad. di SunTrust Banks secondo cui occorrerà ancora tempo prima di poter vedere dei miglioramenti nel comparto bancario. Hanno pesato anche le dichiarazioni del premier cinese secondo cui i responsabili di politica economica non devono essere “ciecamente ottimistici” sullo stato di salute dell’economia, aggiungendo che la ripresa economica non è ancora stabile ed è arduo supportare la domanda interna in breve tempo.

Oggi è attesa la presentazione delle proiezioni governative sul deficit pubblico nei prossimi dieci anni. Le anticipazioni da parte di fonti ufficiali anonime fanno riferimento ad una revisione al rialzo da 7100 a 9000Mld$. Le stime per il deficit dell’anno fiscale in corso (che termina a settembre) dovrebbero invece essere riviste al ribasso di circa 260Mld$, in seguito a minori esborsi legati ai piani di supporto del comparto finanziario.

Nel frattempo è stata ufficializzata la proposta di conferma del mandato (fino al 2014) di Bernanke, in scadenza a fine gennaio. Occorrerà la successiva approvazione del Senato che dovrebbe però essere solo un atto formale. Oggi scade anche il piano di rottamazione auto mentre aumentano le aspettative di un allargamento dell’ammontare di crediti di imposta concessi a fronte dell’acquisto della casa: dagli attuali 8000$ per l’acquisto della prima casa si potrebbe arrivare ad un importo doppio con riferimento all’acquisto anche di una seconda casa. Spetterà al Congresso prendere un’eventuale decisione in tal senso al rientro dalla chiusura estiva il prossimo 8 settembre. Supporto sul decennale in area 3,40%.

Valute: Dollaro stabile ieri vs Euro ed in apprezzamento questa mattina. La dinamica del biglietto verde continua a seguire quella dei mercati azionari, con nel breve la prima resistenza a 1,4380 e successivamente 1,4450. Primo supporto a 1,42. I ribassi delle borse asiatiche hanno dato luogo ad un apprezzamento dello Yen vs le principali valute mondiali nel corso della notte. Lo Yen pertanto continua a muoversi in linea all’andamento prevalente dei listini azionari mondiali. Verso Euro per oggi resistenza a 136,10, supporti a 133,80 ed in prossimità di 133.

Materie Prime: il greggio Wti (+0,7%) prosegue la fase di rialzo, raggiungendo i massimi degli ultimi 10 mesi. Rimbalza il gas naturale (+4,2%) dopo i forti ribassi degli ultimi giorni. Positivi i metalli industriali guidati dal piombo (+9%), sulla notizia della chiusura di due fonderie in Cina a causa dell’avvelenamento di oltre 2.000 persone. Tra i preziosi in calo l’oro (-1,1%), lieve rialzo per l’argento (+0,2%). Tra gli agricoli in calo il caffè (-2,2%) su segnali più favorevoli alla produzione colombiana. Forte rialzo per la soia (+5,6%) ed il grano (+2,5%).

Copyright © Servizio Market Strategy MPS Capital Services per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved

*Questo documento e’ stato preparato da MPS Capital Services ed e’ rivolto esclusivamente ad investitori istituzionali ovvero ad operatori qualificati, così come definiti nell’art. 31 del Regolamento Consob n° 11522 del 1° luglio 1998 e successive modifiche ed integrazioni. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.