Chrysler richiama quasi 8 mila Suv difettosi

23 Luglio 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – La casa automobilistica Chrysler, facente parte con Fiat del gruppo Fca guidato da Sergio Marchionne, si è vista costretta a ritirare dal mercato 792.300 modelli SUV per un problema al sistema di accensione.

I veicoli difettosi sono la versione 2006 e 2007 della Jeep Commander e quelli del 2005 e 2007 del Grand Cherokee.

“Gli ingegneri stanno lavorando per trovare un rimedio al più presto e Chrysler ha effettuato il richiamo dei veicoli per motivi precauzionali”, ha detto in un comunicato il gruppo Usa.

Una delle sorelle di Detroit di Chrysler, General Motors, ha dovuto vedersela con un problema simile, con il buttone di accessione che senza essere azionato si spotava dalla posizione ‘on’.

Il difetto ha costretto General Motors a richiamare un numero record di vetture – 29 milioni – nel 2014.