CHIP: VENDITE ATTESE IN CALO DEL 21% NEL 2001

20 Giugno 2001, di Redazione Wall Street Italia

Quest’anno potrebbe segnare il peggior declino per l’industria dei semiconduttori.

IC Insight, una societa’ di ricerca che segue il comparto chip ha infatti abbassato le previsioni sulle vendite di quest’anno a $139,2 miliardi, contro i $177 miliardi dell’anno scorso, citando l’eccesso delle scorte, il rallentamento delle vendite dei sistemi elettronici e i problemi dell’economia americana, sull’orlo della recessione.

Il calo del 21% di quest’anno segnerebbe il peggior declino nella storia del settore, superiore persino alla flessione del 20% registrata nel 1985.

Secondo gli analisti di IC Insight l’industria dei chip potrebbe perdere quest’anno fino al 28% e nel migliore dei casi il calo potrebbe essere limitato al 15%.

La domanda di semiconduttori dovrebbe aumentare del 9% entro la fine del 2001, ma il prezzo unitario potrebbe scendere del 6%.

Il tasso di crescita dell’industria – rallentato durante gli ultimi sei anni con tre anni di crescita negativa – puo’ quindi essere attribuito alla tendenza del comparto di spendere di piu’ e di guadagnare di meno.

Le buone notizie, pero’, dovrebbero arrivare a partire dal 2002, con un aumento delle vendite del 16% a $162 miliardi.

SULL’ARGOMENTO VEDI ANCHE:


CHIP: COMMENTI PESSIMISTICI DI LEHMAN