CHIP: MICRON CEDE IL 10,5% SU PREVISIONI VENDITE

6 Settembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

Micron Technology (MU), uno dei maggiori produttori di componenti per microprocessori, segna quest’oggi un ribasso del 10,5% dopo che la banca d’affari Donaldson, Lufkin and Jenrette ne ha diminuito il rating da “Buy” a “Outperform”.

Gli analisti ritengono che il prezzo delle memorie per computer, previsto in calo per questo trimestre, influira’ negativamente sugli utili della societa’. Anche una piccola variazione, infatti, potrebbe avere delle grosse conseguenze per Micron, che nel suo stabilimento in Idhao produce centinaia di milioni di chip.

Il calo, che ha contribuito a mantentenere in rosso l’intero settore, e’ stato preceduto ieri dalla scivolata di Intel (INTC) che ha chiuso la giornata di contrattazioni con una perdita di quasi il 7% dopo che la banca d’affari USB Piper Jaffray ne aveva ridotto il rating da “Strong Buy” a “Buy”.