CHE SUCCEDERA’ CON BORSE E DOLLARO GIU’?

30 Aprile 2006, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) – La scorsa settimana sono iniziati due movimenti discendenti di un certo interesse: sia il dollaro che tutte le Borse mondiali si sono messi al ribasso. Va detto subito che erano due movimenti attesi, e anche da tempo, ma nonostante questo conviene ragionarci un po´ sopra perché possono portare a mutamenti di un certo peso nel nostro futuro immediato e a medio termine.

Lo sai che con INSIDER hai accesso a informazioni riservate con cui puoi guadagnare in una settimana molto piu’ di quel che guadagneresti in un anno? Per abbonarti clicca sul
link INSIDER

Per prima cosa conviene liberarsi subito della questione dei mercati finanziari. Sono mesi che si dice che erano andati troppo in alto e che dovevano scendere. Ma le Borse hanno continuato ostinatamente a tenere la testa alta e, anzi, ogni tanto davano un altro colpetto verso l´alto. La scorsa settimana, invece, tutti giù, mediamente, del 2 per cento.

E´ l´inizio della grande discesa? Del rientro verso valori più accettabili e più prudenti? Gli esperti dicono di no. Sarebbe bello – aggiungono – se tutto andasse davvero giù. Ma non accadrà. La discesa andrà avanti – dicono – forse per un paio di settimane, ma poi i soldi torneranno copiosi in Borsa, abbastanza indifferenti ai valori raggiunti dalle quotazioni. E questo per la semplice ragione che non ci sono, alla fine, molte altre alternative, soprattutto adesso che i tassi di interesse sembrano essersi fermati.

Insomma, è vero che molte aziende cominciano a non farcela più a aumentare i profitti, soprattutto quelle hi-tech, ma i soldi da qualche parte vanno pur messi e le Borse appaiono oggi come uno dei pochissimi rifugi possibili.

Naturalmente gli esperti si possono sbagliare (lo hanno fatto tante volte in passato). Ma questa, per ora, è la loro posizione: Borse in discesa (anche pronunciata), ma non fine delle Borse. Anzi, sarà la stessa discesa, ripulendo un po´ il mercato, a creare le condizioni per la ripresa successiva.

Di segno diverso appare invece la discesa del dollaro. In questo caso sono mesi e mesi che gli economisti vanno predicando la necessità per il dollaro di scendere (e anche in maniera robusta). Anzi, il calo del dollaro viene indicato come l´unica strada che ha l´America per rimettere un po´ a posto i propri conti con l´estero, per chiudere un po´ la partita del suo disavanzo commerciale. Oggi gli Stati Uniti importano troppo e esportano troppo poco. La svalutazione del dollaro dovrebbe consentire loro di essere un po´ meno in disavanzo, e quindi di sistemare i conti con uno dei loro tre deficit (gli altri due sono quello della pubblica amministrazione e quello delle famiglie).

Se queste sono le premesse, la discesa del dollaro non dovrebbe fermarsi tanto presto e non dovrebbe essere un fenomeno di breve durata. Ma siamo appena agli inizi della discesa e forse non conviene essere precipitosi. In passato il dollaro è andato giù tante volte e a ogni occasione si è detto che era cominciato il “grande riaggiustamento”. Ma poi il dollaro si era ripreso e tutto era tornato come prima. E chi aveva immaginato un dollaro a 1,30 o anche a 1,40 contro l´euro aveva dovuto ricredersi. Alcuni famosi speculatori internazionali su questa scommessa (persa) avevano bruciato miliardi di dollari.

Il fatto nuovo, adesso, è che il dollaro scende perché la banca centrale americana, la Federal Reserve, ha detto che la stagione dei rialzi dei tassi di interesse sul dollaro è di fatto finita. E è finita perché c´è la necessità, a questo punto, di sostenere e non di ostacolare la congiuntura (che oggi è fortissima, ma che dovrebbe rallentare). E quindi il denaro, non più attratto da rendimenti in aumento, ha cominciato a prendere la strada verso altre monete, provocando la caduta del dollaro (che adesso è sopra quota 1,26 rispetto all´euro).

Gli esperti questa volta giurano che siamo arrivati appunto al “grande riaggiustamento”. E hanno qualche probabilità in più di azzeccarci. Insomma, il dollaro dovrebbe scivolare davvero verso il basso, e non solo per qualche settimana.
Tutto questo porta vantaggi all´Europa e all´Italia? A prima vista no. La svalutazione di una moneta concorrente non è mai un affare perché attraverso questa strada il competitor aumenta la propria competitività senza aggravio di spese e senza investimenti.

Ma questa volta le cose potrebbero essere un po´ diverse, e proprio perché c´è l´euro.
Nel senso che l´Italia esporta ancora molto in dollari, ma anche in euro e in altre valute. Quindi la svalutazione della moneta americana un po´ ci danneggia, ma non in modo drammatico.
In compenso la svalutazione del dollaro è quasi da benedire in un momento in cui il prezzo del petrolio sembra voler impazzire.

E´ noto infatti che il petrolio (almeno per ora) va pagato in dollari. E quindi se la moneta americana scende, a parità di prezzo il petrolio ci costa meno. In realtà, il dato nuovo internazionale è rappresentato dal fatto che l´economia americana frenerà nella seconda parte dell´anno e che anche l´Asia seguirà lo stesso sentiero. La congiuntura, cioè, si indebolisce. In compenso sta ripartendo (e fin troppo alla grande, sembra) l´Europa. E è esattamente su questo crinale (Europa che sale e America e Asia che scendono) che nei prossimi mesi ci toccherà navigare.

Copyright © La Repubblica per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved