CGIA: Bortolussi, questo ulteriore mini rinvio non include l’IVA

3 Dicembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – “Adesso, che per la terza volta in 15 giorni è stata spostata la scadenza del pagamento delle imposte e dei contributi, ho l’impressione che ciò non preluda a niente di buono: il tanto atteso rinvio, almeno di sei mesi, mi pare ormai seriamente a rischio. Nel frattempo, e questo è molto grave, il prossimo 16 dicembre le imprese dovranno versare l’Iva all’Erario, perché questa imposta, e una serie di altre scadenze, non sono incluse nella proroga.” E’ questo il primo commento rilasciato dal segretario della CGIA di Mestre, Giuseppe Bortolussi, dopo aver appreso del nuovo decreto del ministero dell’Economia che dispone la sospensione dei tributi e dei contributi previdenziali e assicurativi al prossimo 20 dicembre. “Spostare il pagamento delle tasse al 20 di dicembre – conclude Bortolussi – è una decisione poco ponderata. In questi giorni è previsto anche il pagamento delle tredicesime dei lavoratori dipendenti. In un periodo di scarsissima liquidità per le imprese, accavallare a questa scadenza anche quella del pagamento di imposte e contributi dei mesi scorsi, rischia di mettere in serio pericolo la tenuta economico/finanziaria di moltissime imprese”.