Certificati e consulenti, segui la conferenza ACEPI

4 Novembre 2020, di Massimiliano Volpe

L’emergenza sanitaria non ha rallentato l’attività dei consulenti finanziari in Italia visto che nei primi sei mesi dell’anno hanno registrato una crescita della raccolta netta del 30% a 22,4 miliardi di euro, secondo quanto evidenziato da Assoreti.

In questo contesto anche l’apporto dei certificati è stato significativo. Nel primo semestre dell’anno la raccolta netta in certificati è stata pari a 1,16 miliardi di euro, equamente distribuita nei due trimestri e di rilievo rispetto agli altri strumenti finanziari che rientrano nella componente amministrata. In particolare, la raccolta in certificati rappresenta il 5,2% di quella complessiva registrata nella prima parte dell’anno dalle reti di consulenti finanziari.
Il contributo della raccolta ha permesso al patrimonio dei certificati nei portafogli dei clienti dei consulenti di salire a 5,21 miliardi di euro alla fine di giugno, rispetto ai 4,84 miliardi registrati nella prima metà dello scorso anno. In termini percentuali i certificati costituiscono lo 0,8% del patrimonio dei clienti dei consulenti finanziari.
Si tratta di numeri importanti ma che possono essere ulteriormente migliorati visto che la liquidità parcheggiata sui conti correnti dai clienti dei consulenti finanziari ammonta a 6,33 miliardi di euro, pari al 16,7% dei portafogli.

La conferenza annuale di ACEPI

Per cogliere spunti interessanti sull’operatività in certificati è possibile partecipare alla sessione pomeridiana della conferenza annuale di ACEPI che si terrà il 5 novembre in modalità digitale, iscrivendosi a questo link.

L’investimento in certificati

La sessione pomeridiana della conferenza annuale di ACEPI sarà dedicata alla formazione dei consulenti finanziari, impegnati quotidianamente nel confronto con i risparmiatori italiani. La partecipazione è accreditata EFPA Italia e assegnerà, ai consulenti finanziari partecipanti, due crediti validi per il mantenimento delle certificazioni EFA, EFP, EIP ed EIP CF.

Alle 14:30 sarà Nicola Francia, presidente di ACEPI, aprire i lavori. Subito dopo interverrà Leopoldo Gasbarro, direttore responsabile di Wall Street Italia, facendo il punto sul futuro-presente dell’intermediazione e della consulenza finanziaria.

Toccherà poi a Pierpaolo Scandurra, direttore di Certificati & Derivati, approfondire, con l’aiuto dei consulenti finanziari Alessandro Toccacieli, Carlo Tavazza e Roberto Boccanera, alcune modalità di utilizzo dei certificati di investimento.

Il taglio degli interventi sarà prettamente operativo. Toccacieli, Tavazza e Boccanera approfondiranno la propria attività quotidiana con i certificati, evidenziando alcuni degli obiettivi ottenibili con questi strumenti finanziari, tra cui recupero delle perdite pregresse e diversificazione dell’asset allocation, ottimizzazione fiscale, costruzione di portafogli in certificati, riduzione del rischio e ottimizzazione dei rendimenti azionari.

L’utilizzo dei certificati in ottica di trading è infine affidata all’intervento di Gabriele Bellelli, trader indipendente ed educatore finanziario, il quale fornirà valide indicazioni per l’utilizzo dei certificati per l’operatività di breve periodo tipica dell’attività dei trader.