CEO Ripple: “Molte criptovalute arriveranno a valore zero”

14 Febbraio 2018, di Alessandra Caparello

NEW YORK (WSI) – La maggior parte delle criptovalute arriveranno al valore zero. A dirlo  Brad Garlinghouse, CEO di Ripple, parlando alla Goldman Sachs Technology and Internet Conference.

Ripple (XRP) ha raggiunto il picco di $3,31 nel mese di gennaio prima di scendere a $0,99. Essenzialmente, XRP è un token specificamente pensato per effettuare transazioni internazionali veloci e a basso costo tra banche. Oggi Ripple detiene il terzo più alto tetto di mercato di qualsiasi altra criptovaluta a 40,1 miliardi di dollari. Garlinhouse nel suo discorso ha paragonato il fenomeno criptovalute all’avvento di diversi database e non all’avvento di un unico database in grado di gestirli tutti. Molte di queste monete digitali, ha affermato l’esperto, finiranno per scomparire poiché non hanno un vero e proprio scopo nella vita a differenza di XRP.

L’asso nella manica di Ripple, dice il CEO, è quello di rendere più efficienti le transazioni tra banche, diventando così un vero e proprio metodo di pagamento che rende più semplice lo spostamento di denaro. Per Garlinghouse soltanto le criptovalute che si renderanno necessarie sul mercato riusciranno a sopravvivere. le altre, quelle che non riusciranno a trovare il proprio posto perderanno terreno fino a valere zero.

Per il CEO di Ripple il Bitcoin – a suo dire 1000 volte più lento e più costoso di XRP – sarà ancora utilizzato come riserva di valore, simile al ruolo che ha l’oro, ma a suo parere non sarà usato per i pagamenti.